Ladri in fuga, ma dimenticano il loro cellulare nella casa «visitata»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 9 dicembre 2014 – Entrano in casa smurano la cassaforte, ma lasciano il telefonino attaccato alla presa della corrente. E’ stato un raid anomalo quello andato in scena domenica a Villa Potenza, in via dell’Acquedotto. I ladri sono entrati in azione verso le 17.30 in un appartamento al primo piano, approfittando del fatto che in casa non ci fosse nessuno. Una volta dentro la banda ha subito trovato la cassaforte.

Utilizzando forse martelli e scalpelli i banditi sono riusciti a smurare la cassaforte e ad aprirla. All’interno però non hanno trovato né preziosi, né contanti.

Quindi hanno dovuto abbondare la casa a mani vuote, anche perché nel frattempo il rumore aveva allertatato gli altri condomini. Poco dopo infatti, la madre di uno dei proprietari dell’appartamento, insospettita, è scesa a controllare.

Ha provato ad aprire la porta, ma non ci è riuscita. I ladri infatti l’avevano bloccata. Così sono arrivati i vigili del fuoco e la polizia, e poco dopo i padroni sono potuti rientrare nell’appartamento. Ieri però si sono accorti che i visitatori indesiderati avevano lasciato il cellulare a caricare proprio dentro casa.

Chissà, forse mentre qualcuno cercava di aprire la cassaforte, qualcun altro ha sentito il bisogno irresistibile di chattare. Una leggerezza che potrebbe costargli caro. Sempre ieri mattina poi altri tentativi di furto sono stati commessi in via Spalato, mentre domenica pomeriggio un altro raid ha interessato Montelupone. Tre colpi tentati, di cui solo uno andato a segno. Sono spariti contanti per qualche centinaio di euro.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Spara a moglie e figlio e si suicida Successivo Mondavio, uccide la moglie con la roncola. Uomo in fuga, figlio affidato al sindaco