Ladri le rubano la borsetta con le foto del figlio morto

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Porto Sant’Elpidio, 27 dicembre 2014 – «Un’esperienza che mi ha distrutto, non solo per il fatto di aver subìto un furto, quanto perché mi hanno portato via le foto di mio figlio Andrea, i messaggini che mi aveva mandato e custodivo nel cellulare». È stato un Natale più triste e doloroso del solito per Graziella Marota, dipendente della scuola primaria ‘De Amicis’ e mamma di Andrea Gagliardoni, il giovane poco più che ventenne rimasto vittima di un drammatico incidente sul lavoro. Per mamma Graziella, il dolore per la tragica perdita non accenna a diminuire con il passare degli anni e dopo il furto dell’altro giorno, è tornato ad essere più bruciante che mai.

«È accaduto il 23 dicembre. Alle 7, come sempre, sono andata ad aprire la scuola materna, ho acceso le luci al piano terra e poi al piano superiore. Questione di pochi minuti», racconta. «Avevo appoggiato la borsa al solito posto, nascosto alla vista. Scendendo dal primo piano, ho notato che la porta della scuola era aperta, ma ero certa di averla chiusa. Sono subito andata a vedere dov’era la mia borsa, ma non l’ho trovata. Me l’avevano rubata». Dentro c’era il portafoglio con i documenti e il bancomat, e il cellulare dove era inserito, in maniera non riconoscibile, il codice del bancomat.

«Il ladro ha fatto un paio di prelievi, presso la mia banca, prelevando 1.500 euro. Evidentemente sapeva come agire e dove andare. Fosse andato in un altro istituto di credito, infatti, avrebbe potuto prelevare solo 250 euro». Per la Marota all’amarezza si aggiunge il dolore. «In borsa tenevo le foto di mio figlio, nel cellulare avevo i messaggini che mi aveva inviato. Ho perso anche questo di Andrea». La speranza è che riesca a ritrovare gli oggetti rubati, che sarebbero inutilizzabili per il malvivente, mentre per mamma Graziella significherebbe tantissimo: «I ladri non si rendono conto di quello che provocano rubando oggetti che per chi li possiede hanno mille significati». Ora indagano i carabinieri.

Marisa Colibazzi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente I ladri fanno razzìa anche a Natale: doppio colpo a Servigliano Successivo Saldi anticipati, commercianti sul piede di guerra