Ladri nella sede della banda ‘Omero Ruggieri’

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Montegranaro, 5 febbraio 2015 – Hanno rubato al circolo ‘La lucciola’, hanno forzato le porte di diverse abitazioni del centro storico (solo in un caso sono riusciti ad entrare per non portare via nulla, visto che la casa è disabitata), ma la banda di ladruncoli si è data davvero un gran daffare. Ieri si è scoperto che nel fine settimana sono andati a rubare anche nell’ex ospedale vecchio, nella sede della banda ‘Omero Ruggieri’. In questo caso non hanno forzato il portone, ma rotto il vetro di una finestra laterale e da lì sono entrati all’interno dell’imponente edificio ristrutturato da poco, dove piano piano stanno trovando casa le associazioni cittadine. Nei locali riservati alla banda non c’erano strumenti particolari – i ragazzi li portano a casa per esercitarsi – per cui i ladri si sono dovuti accontentare di un bottino un po’ anomalo e ingombrante: una grancassa, un tamburo, qualche leggio e già che c’erano, hanno portato via anche un pacco di merendine. I responsabili della banda si sono accorti del furto qualche giorno dopo, tanto più che mai pensavano di poter essere il bersaglio di ladri, non essendoci nella sede oggetti di valore, men che meno gli strumenti.

Invece è toccato anche a loro. Così, questo ennesimo episodio va ad allungare la lista, già piuttosto nutrita, di furti o tentati furti che si sono verificati nelle ultime settimane nel centro storico. Tutti hanno prodotto bottini ridicoli, tuttavia hanno indotto alcuni residenti a chiedere a gran voce maggiori controlli o azioni mirate per smascherare i responsabili. I furti sono avvenuti in pieno centro, da piazza Mazzini alle vie interne, e hanno riguardato i bar, l’agenzia di pratiche automobilistiche, qualche ufficio comunale, la biblioteca, i circoli, né sono mancati danni alle abitazioni, e adesso si scopre che non si è salvato neanche il complesso dell’ex ospedale vecchio. «Eppure non dovrebbe essere così complicato – ha insistito una residente –. Basterebbe perlustrare il centro durante la notte con ronde, pattugliamenti o qualsiasi altra iniziativa utile».

Marisa Colibazzi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Monossido di carbonio, tragedia sfiorata Piccolo si sente male e salva la famiglia Successivo Fabriano - Agenzia delle Entrate, sportello quasi pronto