Ladri scatenati, raffica di furti a Mogliano

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Mogliano (Macerata), 7 settembre 2015 – Ladri scatenati, raffica di furti a Mogliano. Tre case sono state svuotate mentre i proprietari erano a letto. I colpi sono stati messi a segno nella notte tra sabato e domenica e tutti nella stessa zona, la frazione Macina, che si trova a metà strada tra il centro del paese e Corridonia.

È probabile che ad entrare in azione sia stata un’unica banda, forse composta da due o tre persone, che è arrivata, ha colpito e poi è scappata senza lasciare tracce. Tutti e tre i colpi, infatti, sono stati messi a segno con la stessa modalità: i ladri sono entrati forzando le finestre, non curanti del fatto che all’interno c’erano i proprietari a dormire. La prima casa visitata si trova sulla provinciale che va verso Monte San Giusto. Si tratta di uno stabile dove abitano due famiglie. I malviventi prima hanno visitato l’appartamento al piano terra, quindi sono saliti al piano superiore.

In entrambi i casi le due famiglie erano a letto e non si sono accorte di nulla, mentre i ladri sono riusciti a svuotare borse e portafogli per un bottino totale di qualche centinaio di euro.

Quindi è toccato a una casa che si trova a qualche centinaio di metri di distanza, in una zona abbastanza abitata della frazione. Anche in questo caso, nonostante ci fossero persone a dormire, i ladri sono entrati e hanno fatto razzia dei contanti che sono riusciti a racimolare in giro. Tra tutti e tre i colpi si tratta di un bottino che non arriva al migliaio di euro.

I proprietari si sono accorti di quanto era successo solo ieri mattina, quando al risveglio non hanno potuto fare a meno di notare i segni lasciati dai malviventi durante il raid. Nessuno in zona comunque sembra aver visto o sentito niente: non ci sarebbero, dunque, testimoni, in grado di aiutare a ricostruire i contorni dell’accaduto. Indagini sono in corso da parte dei carabinieri.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Aperta la grande casa del volontariato, diciassette associazioni come inquilini Successivo "Caso Mattucci, ora il sindaco deve chiarire"