L’Ancona espugna San Marino

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

San Marino, 26 ottobre – Una buona Ancona vince a San Marino, tre punti pesanti che portano i biancorossi a quota 13. Per Bondi e compagni un successo meritato, Aprea non corre mai seri pericoli, l’Ancona dimostra di poter controllare sempre la gara.

Anche nel finale in cui il San Marino si getta all’attacco anche con il portiere Vivan. Così all’Ancona basta la rete di Morbidelli realizzata in chiusura di primo tempo per fare il pieno di punti e di fiducia in attesa del prossimo match contro il Tuttocuoio (domenica ore 18). Un decimo turno dunque favorevole ai biancorossi di Giovanni Cornacchini, che si fanno subito vedere dalle parti di Vivan prima con Tulli al 6’ e quindi al 17’ con Morbidelli su una punizione a due in area concessa per un passaggio arretrato al portiere del San Marino che quest’ultimo tocca con la mano.

Due occasioni in cui l’Ancona ha poca fortuna. Ma i dorici raccolgono i frutti della loro supremazia al 44’, quando Morbidelli servito da Bondi entra in area si accentra e trova il suo sinistro vincente con il quale fulmina l’estremo sanmarinese a fil di palo. Nella ripresa i dorici badano al sodo, si rendono pericolosi in più di un’occasione senza però trovare il gol del raddoppio, ma dall’altra parte Aprea non è mai costretto a interventi risolutori. Al San Marino non serve l’arrembaggio finale.

Tabellino

San Marino-Ancona 0-1

San Marino (4-2-3-1): Vivan; Paolini (39’ st Cicarevic), Fogacci, Ferrero, Cruz; Valeriani (25’ st Casolla), Soligo; Coto, Sensi, Poletti; Jara Martinez. A disp. Migani, Russo, Bangoura, Miravent, Muntadas. All. Covelo.

Ancona (4-2-3-1): Aprea; Di Dio, Dierna, Paoli, D’Orazio; Sampietro (25’ st Camillucci), Di Ceglie; Morbidelli, Bondi (38’ st Moretti), Tulli (30’ st Parodi); Tavares. A disp. Lori, Barilaro, Pizzi, Cognigni. All. Cornacchini.

Arbitro: Dionisi di L’Aquila.

Reti: 44’ Morbidelli.

Note – Ammoniti: Vivan, Paolini, Ferrero; Moretti; recuperi: 2’ + 4’.



Precedente Vuelle, ad Avellino una rimonta a metà Successivo Muore stroncato da un malore nella sala d'attesa della stazione