Lapedona, Madonna del Carmine senza gioielli

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Lapedona (Fermo), 8 ottobre 2014 – Due corone in oro della Madonna e del Bambino sono scomparse dalla chiesa di Lapedona. Nello specifico, si tratta della corona in oro massiccio con gemme preziose della Madonna del Carmine posta nella chiesa di San Lorenzo e della corona del Bambinello.

A dare voce al fatto è la gente del posto, che nel brulichio delle supposizioni fa riferimento a due diverse versioni dei fatti, entrambi riconducibili all’effettiva sparizione delle corone. I due oggetti sacri, che di norma sono custoditi nel caveau della Curia di Fermo, durante l’anno sono sostituiti da imitazioni per salvaguardarne il pregio. Le due corone sono però ritirate in occasione della processione e della festa del Carmine, che si svolge a luglio.

Al termine della festa, le corone sono riconsegnate alla Curia e custodite nel caveau. Fatta questa premessa, da una parte c’è chi sostiene che i preziosi siano spariti da due anni e dall’altra che siano scomparsi ultimamente. Ma andiamo per gradi. Secondo qualcuno, da due anni si sarebbero confuse le corone vere con le imitazioni, e quindi la sparizione sarebbe riconducibile a diverso tempo fa, ma il caso sarebbe emerso solo ora.

Secondo altri, invece, le corone sarebbero sparite dopo l’ultima festa in onore della Madonna del Carmine, svoltasi a luglio. Nell’occasione (e c’è chi è pronto a dimostrarlo con fotografie), dunque, le corone sarebbero state vere e si sarebbero dovute riporre nell’apposita custodia in parrocchia in attesa di essere trasferite nel caveau. Resta il fatto che le preziose corone non si trovano. La notizia, che non rende onore a nessuno, ha causato malumore tra la gente, che spera vivamente si sia trattato solo di un errore o di una distrazione.

Ciò che conta, infatti, è che i preziosi ricompaiano in nome in primis dell’ossequioso rispetto al valore della spiritualità e della fede, poi ne confronti dell’intera comunità di Lapedona, che negli stessi valori si specchia e si riconosce. Tra i cittadini non manca chi, viste le due versioni dei fatti, vuole vederci chiaro, e pertanto si dice già pronto a rivolgersi alle autorità competenti per denunciare il fatto.

di Paola Pieragostini



 

Precedente L’Africa Chiama premia Kyenge Successivo Banca Marche, i commissari di Bankitalia: il salvataggio con Fonspa alle porte