L’assalto dei banditi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Macerta, 21 dicembre 2014 – Siamo nel mezzo di un vortice di furti e rapine che ci fa sentire sotto assedio nelle nostre case. Capitò pure tra il 2011 e il 2012, quando i banditi alzarono il tiro irrompendo anche nelle ville di Cesare Paciotti e dell’ex campione di motociclismo Franco Uncini. Ci scappò anche il morto: il ladro ucciso dal consulente aziendale recanatese Stefano Terrucidoro nella notte del 25 dicembre 2011, che si difese dall’assalto alla sua abitazione.

L’altro ieri, invece, a Civitanova ha rischiato la vita un fisioterapista che tornava del lavoro e si è schiantato con un ladro che scappava dalla polizia su un’auto rubata. Proprio a Civitanova, epicentro della nuova ondata di criminalità, furti e rapine hanno mandato in tilt anche la politica, che è finita sotto accusa (in modo oggettivamente esagerato) e però ha reagito in maniera scomposta: mesi fa il vicesindaco Giulio Silenzi, fidandosi troppo dei dati ufficiali, definì percezioni i ripetuti allarmi lanciati da parte della città; più recentemente il sindaco Tommaso Corvatta ha invece chiesto rinforzi, e infine il presidente del consiglio comunale Ivo Costamagna ha invocato l’intervento dell’esercito. Ma uno degli aspetti più significativi di questa escalation di criminalità è la distanza siderale tra la percezione di insicurezza dei cittadini e la risposta della giustizia.

E se finora quello delle scarcerazioni facili e delle pene lievi era un argomento dal sapore demagogico e semplicistico, confinato nelle polemiche da social network, ora a sdoganarlo è il procuratore Giovanni Giorgio. Intervistato, è lui stesso ad aprire un fronte di polemica con i giudici invocando meno buonismo. Non si tratta, a suo avviso, di un problema generale di legislazione non all’altezza di una situazione di emergenza, ma c’è in sostanza un «caso Macerata». Il caso di un tribunale buonista, propenso a concedere attenuanti a pioggia piuttosto che a dare concretezza al concetto di legalità. Argomenti finora solo bisbigliati, almeno negli ambienti della giustizia, e che ora il procuratore inserisce finalmente in un dibattito aperto. Parliamone, dunque, perché la terra delle armonie sta pericolosamente diventando il Bengodi dei banditi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Caro Picchio, ora risorgi Successivo Sgarbi, un "tris" di mostre in più: da Tonino Guerra a Basilè e Tintoretto