Le doglie arrivano nella notte. Abel va di fretta e nasce nel parcheggio dell’ospedale di Fabriano

Il Borghigiano il blog di Fabriano e delle Marche-

Abel ha deciso di nascere all’aperto, nel parcheggio dell’ospedale Profili. Forse la ricorrenza di San Lorenzo con la bella tradizione delle stelle cadenti porterà bene a una famiglia originaria della Romania, ma da molti anni a Pergola, che ieri mattina, poco dopo le quattro, ha vissuto momenti di gioia misti a paura. Mamma Andra e papà Raul dormivano nella loro casa insieme agli altri tre bambini piccoli quando il tempo della gravidanza è scaduto, si sono rotte le acque improvvisamente ed è iniziata una corsa contro il tempo.

«Abbiamo contattato il 118 e ci siamo diretti verso Fabriano. Avevamo quasi quaranta minuti di viaggio, ma la strada era libera vista l’ora e non c’era traffico. Durante il tragitto – confida il babbo – il bambino voleva nascere a tutti i costi. Ho accelerato ma non ce l’ho fatta». Mentre all’ospedale i medici del Pronto Soccorso e quelli di Ostetricia si preparavano per il parto in piena notte, Abel spingeva e voleva vedere la luce. Raul è riuscito a parcheggiare l’auto proprio davanti il nuovo ingresso della struttura dove i sanitari erano in attesa dell’arrivo dell’auto da Pergola.

Poi la magia della vita ha avuto la meglio e il piccolo, come accade dall’inizio dei tempi, è nato con parto naturale senza bisogno di nulla. «Giusto il tempo di distendersi a terra in mezzo al parcheggio, tagliare il cordone ombelicale – ha detto la dottoressa Marta Mazzarini – e portare mamma e piccolo in reparto. Entrambi stanno bene. Non era mai capitata un’esperienza del genere, ma la nostra equipe è pronta sempre a tutto grazie anche all’ottimo lavoro effettuato dal personale del pronto soccorso”.

Notizia riferita dal Corriere Adriatico

ospedale fabriano

Precedente Ragazza beve varechina Grave, ricoverata all’ospedale Successivo Vendita auto, prestanome marchigiani dietro una maxi evasione da 6 milioni