Le fissa, le pedina e poi mostra loro le parti intime: denunciato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 13 aprile 2015 – Sabato mattina una telefonata al 113 ha fatto scattare immediatamente le sirene delle Volanti che tempestivamente si sono portate in via XXV Aprile. Lì una donna di 45 anni, in un evidente stato di agitazione, aveva chiesto aiuto alla polizia poiché uno sconosciuto la stava seguendoLa donna ha raccontato che, mentre era in un bar nelle vicinanze di via XXV Aprile, ha visto entrare un uomo di mezza età che cominciava a fissarla con troppa insistenza. Infastidita e alquanto imbarazzata, ha consumato velocemente il suo caffè per poi uscire. Ma l’uomo non ha desistito, anzi.

E’ uscito anche lui dal locale e ha iniziato a seguire la donna. Vani i tentativi di seminarlo, l’uomo sembrava un esperto pedinatore: più la donna allungava il passo e più lo sconosciuto si uniformava alla sua andatura, togliendo qualsiasi dubbio sul fatto che fosse lei l’‘oggetto’ del suo interesse. Impaurita, la donna ha deciso di entrare negli uffici di un ente pubblico, credendo che, a quel punto, lo sconosciuto avrebbe messo fine alla sua “caccia”. L’uomo, invece, intuendo subito le intenzioni della donna, si è fermato fuori dall’ufficio, e senza alcuna remora, si è appostato in attesa dell’uscita sua “vittima” .

All’uscita non si è presentata la donna, ma la pattuglia della Volante. L’uomo bloccato e identificato, 64 anni, residente ad Ancona, non ha saputo dare una giustificazione del suo comportamento. Mentre quest’ultimo veniva fatto salire sull’auto della Volante, un’altra donna si è avvicinata agli agenti, ringraziandoli per aver assicurato alla giustizia quello sconosciuto che aveva molestato anche lei.

Gli uomini della Volante hanno subito raccolto la testimonianza dell’anconetana di 47 anni, la quale ha riconosciuto nell’uomo fermato l’individuo che pochi giorni prima, mentre percorreva a piedi il marciapiede che costeggia via Valle Miano, l’aveva affiancata con la sua utilitaria. La donna, credendo che quell’automobilista di mezza età volesse chiederle solo un’informazione stradale, si era avvicinata tranquilla al suo finestrino, ma l’uomo, senza proferire parola, si era abbassato i pantaloni, mostrando le sue parti intime.

La donna, sconvolta, era scappata lungo il marciapiede, inseguita dall’individuo che a bordo della sua vettura non la perdeva d’occhio. Giunta nei pressi della sua abitazione, la donna aveva trovato riparo all’interno del suo condominio: l’uomo, sceso dalla sua automobile, aveva cercato di entrare nel palazzo, ma vedendo che la donna stava parlando al telefono cellullare, aveva deciso di allontanarsi.

Portato negli uffici della Questura è stato fotosegnalato e, dopo le formalità di rito, denunciato alla competente autorità giudiziaria.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Filippo e Federica a Pesaro: pronti per gli assoluti Successivo Minacciata la nidificazione delle aquile reali