Le foto del presepe di San Marco che torna ad animarsi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 21 dicembre 2015 – Quello di San Marco è più di un presepe (FOTO). E’ la storia della Salvezza in 50 scene animate realizzate plasticamente con personaggi in movimento, dimensione e prospettiva e oltre 200 scene dipinte. E’ uno dei gioielli segreti conservati nei sotterranei della città ed opera dell’ingegno fanese. Realizzate per diletto, con cuore e passione da don Marco Polverari e i suoi collaboratori.

L’ambiente è molto suggestivo: con musiche e suoni che a tratti rievocano le condizioni meteo della scena, si sono trasformate le cantine di palazzo Fabbri (in via Mura Sangallo) in uno squarcio della Terrasanta di 2mila anni fa. Ogni anno a questo progetto si aggiungono 3 nuove scene. “La novità di quest’anno riguardo al Natale è la scena dell‘incontro di Maria con Elisabetta – spiega don Marco -, ricca di personaggi ed effetti. Nel percorso della vita di Cristo eravamo arrivati alla sua morte: quest’anno abbiamo fatto la scena toccante di Gesù che viene portato al sepolcro. Per quanto riguarda gli eventi pasquali abbiamo rappresentato le cinque apparizioni di Gesù risorto in una grossa rappresentazione pittorica, sull’ultima arcata di questo cammino progressivo tra vecchio e nuovo testamento. Continueremo con alcune scene degli atti degli apostoli fino all’ultima rappresentazione, che sarà la piazza di san Pietro in miniatura”.

Nel weekend, all’inaugurazione ufficiale, c’erano anche il vescovo Trasarti che l’ha benedetto e il sindaco Seri che l’ha elogiato come eccellenza cittadina: 12mila persone lo hanno infatti visitato solo lo scorso anno, con pullman da fuori città. Rimarrà aperto da Natale all’Epifania, tutti i giorni dalle 9.30 a mezzogiorno e dalle 15.30 alle 19.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Rubate piantine da fioriere Municipio Successivo Nuovo volo cargo ad Ancona Falconara