Le nuove diligenze

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 21 giugno 2015 – Prendere un autobus di sera ad Ancona, è senza dubbio un’esperienza da fare. Oddio, c’è anche di peggio. Ma se vuoi vedere con i tuoi occhi ciò che veramente ti circonda, devi salire in piazza Roma o in piazza Kennedy, metterti seduto sull’1/4 e raggiungere il Piano.  Estate o inverno fa lo stesso, la musica non cambia. Lo scenario non muta più di tanto neppure di giorno. Magari sul bus c’è più gente rispetto a quanta ne sale alle undici di sera, ma il panorama umano è ugualmente variegato.

Non è vero che è pieno di ubriachi e sbandati, generalizzare è sbagliato. Ma ce ne sono. Purtroppo negli ultimi mesi sono sensibilmente aumentati. Non è neppure vero che salgono orde di pischelli incivili. Incontri pure quelli, ma non sono tutti così. Il problema vero è un altro. Sui bus di Ancona c’è sempre meno sicurezza. L’azienda ha tagliato sui controllori: su dieci bus che prendi sì e no che ti capita di incontrarne uno. Impossibile che tutti quelli che ti circondano hanno pagato il biglietto. Gli autisti sono abbandonati a loro stessi. Fanno un lavoro che non conosce soste e feste comandate e sono pure costretti a non reagire sennò rischiano di buscare. In altri paesi sui bus ci sono i tornelli. I seggiolini sono puliti o quantomeno decenti. A bordo alle undici di sera o a mezzanotte gli ubriachi sono isolati e rischiano loro di prenderle se si azzardano ad alzare un dito



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Buon compleanno a Michel Platini Successivo Il silenzio degli onesti