Le pagelle della settimana

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fermo, 20 marzo 2016 – Abbiamo dato i voti ai fatti e ai personaggi che hanno caratterizzato la settimana nel Fermano.

CLAUDIO COGNIGNI

10 Ha deciso di scommettere sul rilancio del Gran Caffè Belli in questi tempi di crisi e in un centro storico di Fermo dove il rischio di bruciarsi è ancora troppo alto. Entusiasmo e competenza professionale però sono dalla sua parte e, quando a provarci è un giovane, merita a priori il massimo voto d’incoraggiamento.

CAPPONI-PEDALINO

9 Gaia e il bomber sono riusciti, grazie alla nota sensibilità dei fermani, e non solo, a trovare i fondi per ampliare la scuola allestita in Kenya da Bruno Donzelli e dotarla anche di un campo per la scuola di calcio.

LORENA MASSUCCI

8 La presidente del Consiglio comunale di Fermo ha deciso di riparare a proprie spese le panchine di piazza del Popolo e, recependo l’invito dell’Anci, vuole aumentare le vie della città intitolate alle donne.

GIORGIO RACCICHINI

7 Il capogruppo del Pdci sangiorgese ha ricordato agli assessori Bisonni e Ciabattoni che non basta la programmazione di eventi, ma il Comune deve distnguersi anche per gesti più concreti, come le borse di studio per i giovani affinché valorizzano la storia locale.

SINDACATI CONFEDERALI

6 Hanno rimarcato – ultimi in ordine di tempo – la necessità che tutti gli attori del Fermano firmino un Patto per lo sviluppo, camminino insieme, scelgano le priorità da raggiungere e fissino una sede unica e permanente di confronto. Speriamo che anche queste non restino solo parole. Per evitarlo, potrebbero essere proprio loro a organizzare la prima adunata generale.

PASQUALE ZACHEO

5 Non presentarsi in Consiglio comunale è sempre sbagliato. L’altra sera si discuteva della Casina delle Rose, sulla cui destinazione si era infervorato appena qualche giorno prima. Non basta lamentasi sui giornali, lui e la sua lista sono stati votati per svolgere il ruolo in Consiglio comunale ed è lì che devono farsi sentire e protestare anche clamorosamente.

GIANNA NANNINI

4 Come era già avvenuto con Panariello, la ribalta per Fermo si è limitata al teatro pieno per due serate. La maggior parte di giornali, tv, radio e social nazionali hanno citato poco, o addirittura taciuto, le due prove generali fermane. La produzione anche in questo caso è ripartita con due incassi sostanziosi, mentre il Comune ha speso diverse migliaia di euro per mettere a disposizione il teatro e l’ospitalità. Caro assessore Trasatti, è sicuro che questa sia ‘produzione’ e ‘promozione’ vantaggiosa?

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Buona domenica Successivo Motomondiale: Fenati in pole va a caccia del successo in Qatar