L’Essenziale tour di Mengoni prova numero zero nelle Marche


FONTE IL MESSAGGERO

Il vincitore di Sanremo a Civitanova in un concerto blindato

di Alessandra Bruno

Per Marco Mengoni, l’«Essenziale» è vivere di emozioni. Il vincitore di Sanremo 2013, ieri al teatro Rossini di Civitanova per la tappa numero zero del suo tour rigorosamente vietato ai giornalisti, si è raccontato ai suoi fan senza filtri.
E sulle note di Re matto, le fan hanno applaudito e cantato insieme a lui. Una scenografia essenziale quella del Rossini con luci d’effetto sui toni blu, oro e rosa. Marco si è presentato in jeans e giacca nera. «Visto che siamo un esercito ha detto- dobbiamo stare tutti connessi: Internet bluetooth insomma accendiamo le antenne».

Mengoni ha scaldato i cuori delle fan intonando oltre venti brani, tratti dall’ultimo album «#Pronto a correre». Un’anteprima, naturalmente, da «tutto esaurito».

Un “Marco, Marco, Marco” si è levato in alto quando ha esordito in I got the fear, a quel punto le ragazze tutte in piedi.

«Devo ancora scoprire l’amore, ho solo 24 anni, ma scrivo di passioni fortissime che ho avuto la fortuna di provare e che spero di continuare a trasmettere con la mia musica», aveva detto nel primo pomeriggio durante un incontro con i giornalisti (stavolta, invece, graditi).

Il nuovo album è un viaggio introspettivo che tocca le corde dell’anima: brani struggenti, ma anche pieni di energia. «Non posso trovare una canzone che amo di più -ha continuato- se come si dice “ogni scarafone è bello a mamma sua”, così ogni brano racconta dei momenti che si passano nella vita, quando qualcosa cambia. Sono particolarmente legato a “Natale senza regali” perché mi riporta alla mia infanzia, ad un momento di solitudine».

Marco è già stato nelle Marche e sarà ad Ancona al teatro delle Muse lunedì 27 e allo Sferisterio di Macerata il 18 agosto: «A Civitanova mi sono trovato benissimo- racconta- è quasi un ritorno a casa. Io sono minuzioso e preciso e tutti si sono dimostrati disponibili e pazienti. Preparare l’allestimento è stato duro, in alcune giornate eravamo tutti un po’ «epilettici» e strani».

«In questi giorni sono stato sgridato spesso dai miei collaboratori, mi hanno detto che parlo troppo- ha spiegato ancora il cantante- per me fermarsi a parlare con i fan significa spendere tante ore. Sono curioso, mi piace sentire quello che dicono». Marco sarà impegnato tutta l’estate con il tour che lo porterà in giro per l’Italia. La data ufficiale, già sold out, è in programma il prossimo 8 giugno a Milano: «Volevo iniziare il tour a settembre, ma non potevo andare in vacanza quattro mesi- scherza Marco- dopo Sanremo ho cambiato l’intero team, è stato un passo importante, ci stiamo muovendo a passi chilometrici e sono felice».

Una soddisfazione dopo l’altra per Marco, che è stato scelto per rappresentare l’Italia all’Eurovisione contest in Svezia: «Essere il testimonial dell’Italia in Europa, è molto impegnativo, ma è un’altra bella sfida da affrontare».

Cellulari Usati
SCATOLE CARTONE IN PRONTA CONSEGNA!!! www.semprepronte.it

Precedente Porta a spasso con il cane e spaccia l'eroina era nascosta negli slip Successivo Ausiliari, boom di multe. Strippoli: ottimo lavoro