L’ex ministro Martelli a Matelica: «Attenzione a correre dietro ai leader»

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Matelica (Macerata), 9 novembre 2014 – Un caloroso pubblico ha accolto sabato pomeriggio, nella splendida cornice del teatro “Piermarini”, l’ex ministro Claudio Martelli, che ha presentato il suo libro “Ricordati di vivere.

Al suo fianco, rappresentanti della stagione politica vissuta dall’esponente del Psi, anche gli ex sottosegretari Adriano Ciaffi della Dc ed Angelo Tiraboschi del Psi, quindi come studioso del periodo storico il docente Angelo Ventrone, ordinario di Storia contemporanea dell’Università di Macerata. Conduttore dell’incontro invece il giornalista e consigliere di maggioranza Pietro De Leo, mentre il complesso bandistico cittadino “P. Veschi” ha intervallato le domande con celebri brani musicali che hanno segnato la storia contemporanea e del cinema.

L’ex ministro ha parlato di democrazia e dei rischi che oggi si corrono, scivolando dietro ai populismi e ai leader, ma anche della necessità di «avere partiti in una democrazia, altrimenti si rischia di scivolare in qualcosa che non è più democrazia: oggi cosa ci offre il panorama politico però, i Grillo ed i Berlusconi?».

In un incontro dopocena, poi, Martelli si è chiesto se «è possibile ricostruire una democrazia senza restaurare gli elementi cardine della vita democratica, lasciando scegliere al popolo i propri rappresentanti e chi deve governare possibilmente? Dobbiamo ripartire dalle basi, cioè dalla società e dovremo prendere gli elementi indispensabili pre-politici indispensabili, senza i quali non c’è coesione sociali. Dovremo quindi – ha concluso Martelli – unire le conoscenze dei giovani che sanno navigare in internet ed usare i social network alle conoscenze storiche ed alle esperienze di noi più anziani: a noi quindi il dovere di trasmettere, ai giovani il dovere di imparare».



 

Precedente Ancona, Rosalinda Celentano lascia l'attrice marchigiana Simona Borioni: un anno fa volevano sposarsi Successivo Le note di Vasco Rossi ​per l'addio all'infermiere