L’Helvia Recina esplode al 91’: D’Antoni-gol, il paradiso è più vicino

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 19 aprile 2015 – L’Helvia Recina esplode al 91’, quando ormai il pareggio contro la Recanatese stava per diventare inevitabile. Ci pensa D’Antoni, dopo aver sbagliato un rigore il primo tempo: è lui a firmare la vittoria nel derby, che tiene a debita distanza (sei punti) il Fano, capace di rimontare e travolgere fuori casa il San Nicolò. I biancorossi fanno altri tre passi decisivi verso la Lega Pro, ma ci sarà ancora da sudare: domenica la sfida al Riviera delle Palme contro la Samb, mentre il fano se la giocherà in casa contro la Vis Pesaro.

In 3.000 allo stadio per spingere i biancorossi, che fin da subito prendono d’assalto la metà campo leopardiana.

Dopo le schermaglie iniziali, arriva la possibile svolta: Comotto atterra Kouko, l’arbitro assegna il rigore, ma D’Antoni colpisce la traversa.

E’ il sesto rigore sbagliato dalla capolista nel corso della stagione.

La squadra di Magi continua a spingere, crea in un paio di circostanze i presupposti per il gol, e lo trova al 33’ con Garaffoni, ma il direttore di gara annulla.

Il primo tempo finisce senza altre particolari emozioni, la ripresa si apre con lo stesso copione, ovvero con i biancorossi che spingono e la Recanatese si difende.

Ma in fatto di occasioni, D’Antoni e compagni non riescono a essere incisivi. I tifosi biancorossi esplodono comunque al gol del San Nicolò contro il Fano, ma è una gioia che dura poco più di venti minuti, perché poi la vicecapolista pareggia, ribalta il risultato e spera di accorciare nuovamente le distanze. Speranza vanificata al 91’, quando D’Antoni sfrutta il tiro cross di De Grazia e trova la zampata vincente per l’1-0 decisivo.

La Rata vince, vola e sogna. Non è finita, ma il paradiso è più vicino



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Beffa firmata Giulianova, la Vis ripiomba nell’incubo Successivo Fermato al posto di blocco, nell'auto aveva un tirapugni