L’incognita della Provincia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fermo, 31 agosto 2014 – Ebbene sì, signore e signori. Sabato 12 ottobre si voterà per la Provincia di Fermo,  la nuova Provincia disegnata dalla riforma Delrio. Ma rassegniamoci: noi resteremo a casa, già. E ce ne faremo una ragione.

Voteranno loro per noi, sindaci e consiglieri dei Comuni del Fermano, e speriamo facciano buon uso delle schede elettorali. Perché al di là del terzetto  (o duetto che sia) di candidati in corsa — Cesetti sicuro, mentre Forza Italia e i civici di Di Ruscio stanno ancora sfogliando la margherita — ci piacerrebbe sapere (e capire) che cosa ci dovremo aspettare. Non so: programmi, progetti o quelle cose là che magari sembreranno pure un po’ banali o demodé, ma che poi alla fine dei conti fanno la differenza sulla nostra pelle e nella vita di tutti i giorni. E invece qui è tutta una tarantella di spifferi e indiscrezioni su alleanze, accordi sfumati, candidati in pectore o bruciati. Ma uno che ci dica cosa vuole fare non c’è ancora. È vero, sì, non si può fare campagna elettorale. Ma ecco, non vorremmo restasse una cosa tra loro. Perché altrimenti invece  della Provincia andrebbe bene anche un bar.



Precedente Furto con spaccata al supermercato Successivo Le sorprese sottotraccia