L’inquietante psicoviaggio nel manicomio abbandonato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fossombrone (Pesaro e Urbino), 7 giugno 2015 – «PSYCHIATRISCHES KRANKENHAUS». Altresì detto: «psicoviaggio nel manicomio abbandonato». E’ questo il titolo della mostra fotografica ospitata dal Monte di Pietà a Fossombrone, allestita nelle sale di Corso Garibaldi e visitabile dal 10 al 14 giugno.

L’occhio dell’autore, Sergio Cappiello, collezionista ed estimatore dell’arte fotografica, esplora gli ambienti immortalando evocative atmosfere di un passato nemmeno tanto lontano e che ha segnato i corridoi, le scalinate, le porte e le finestre del San Benedetto, l’ospedale psichiatrico che conclude Corso XI settembre a Pesaro.

Psicoviaggio nel manicomio abbandonato

Cappiello nel cimentarsi con ambienti perlopiù vuoti ma carichi di storia ha voluto rendere omaggio ad una realtà spesso ignorata dai visitatori quanto dai pesaresi per via di una chiusura al pubblico dello stabile che dura anche oggi.

La carrellata di immagini mostra l’impressione emotiva che gli ampi spazi e i segni di una quotidiana drammaticità hanno lasciato nel fotografo. L’incursione della modella Luciana Fodde dà corpo ad una memoria immaginata, «fatta di lamenti, sorrisi, grida, disagio e conforto» come racconta Cappiello «per una struttura che sorta nel 1829, nel percorrere lo sviluppo della scienza psichiatrica di certo ha raccolto in sé le vicende umane di migliaia di persone».

Psicoviaggio nel manicomio abbandonato, foto di Sergio Cappiello

La modella Luciana Fodde negli scatti di Sergio Cappiello



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Commercio in lutto: addio a Giorgio Leopardi Successivo Ascoli, investito da un'auto Muore in ospedale a 77 anni