Lite furibonda per l’affitto: accoltellato dal padrone di casa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Cingoli (Macerata), 18 marzo 2016 – Tante botte e un accoltellato. È questo il bilancio della rissa scoppiata verso le 22.30 dell’altra sera a Cingoli, all’interno di uno stabile in Borgo San Lorenzo, in prossimità della provinciale per Macerata. Protagonista della furibonda zuffa un terzetto di romeni: due, padre e figlio di 59 e 37 anni, sono finiti all’ospedale di Jesi; l’altro, Adrian Vasile Mitrea, un muratore 35enne, malgrado le lesioni ha rifiutato le cure e alla fine è stato arrestato. A scatenare il parapiglia sarebbe stato un litigio per motivi di soldi. La vicenda, su cui i carabinieri stanno completando gli accertamenti, si è verificata nello stesso appartamento dell’edificio in cui, con l’operaio arrestato e la moglie, erano andati a vivere anche i due connazionali.

Ad accendere la miccia sarebbe stato qualche bicchiere di troppo e una discussione sull’affitto da pagare. Ben presto però dalle parole i tre sarebbero passati ai fatti e il litigio è degenerato. Due avrebbero iniziato a picchiarsi e subito dopo si è inserito anche il terzo: Mitrea avrebbe preso un coltello e avrebbe ferito l’anziano al viso e il figlio di quest’ultimo allora sarebbe entrato in azione per difendere il padre. Intanto la moglie del padrone di casa, allarmata, ha allertato il 118. Con l’automedica dell’ospedale cingolano e una squadra della Piros di Apiro con un’ambulanza (la seconda, che era stata richiesta, è poi rientrata in quanto solo due erano feriti) sono intervenuti i carabinieri di Cingoli, che hanno fatto i primi accertamenti sull’accaduto. L’acccoltellatore e il romeno malmenato sono stati trasportati nell’ospedale di Jesi.

Mitrea si è ritrovato con un dente rotto, e naso e costola fratturati: ha avuto una prognosi di 60 giorni, ma per lui il sostituto procuratore Micaela Piredda ha disposto l’arresto per i reati di rissa e lesioni aggravate, così il muratore ieri pomeriggio è stato portato in carcere a Camerino. Ha riportato lesioni meno gravi, un taglio allo zigomo e la frattura della falange, invece l’uomo aggredito. Gli accertamenti sono comunque ancora in corso per ricostruire cosa sia successo nell’appartamento.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Bollette pazze: colpa del «vampiro» della corrente Successivo Gdf, 395 evasori totali nelle Marche