Litiga con il marito e gli distrugge l’auto a sassate

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Fano (Pesaro e Urbino), 2 ottobre 2015 – Gli ha fatto fermare l’auto in mezzo alla strada che costeggia la ferrovia. Poi è scesa con la bambina di 7 anni ed ha iniziato a lanciare pietre contro la macchina del marito. Sono stati lunghi attimi di terrore quelli a cui ha assistito anche una passante, che ha chiamato immediatamente la polizia. Mancavano pochi minuti alle 8 ieri mattina quando una 38enne di origini cubane ha dato in escandescenza sotto gli occhi della figlioletta.

Lei e il marito stavano accompagnando la bambina a scuola, ma nel tragitto hanno iniziato a litigare, probabilmente per delle questioni legate alla loro imminente separazione. Non era mai successo prima (o almeno non risulta nessuna denuncia a carico della donna) che la 38enne cubana si comportasse in maniera violenta. Ma ieri mattina in via Gentile da Fabriano, accecata dalla rabbia, è diventata una furia: con le pietre raccolte per terra ha spaccato prima il parabrezza, poi il lunotto posteriore di quella grande Kia Carnival. Poi, non paga, si è scagliata contro tutti i finestrini completando il lavoro stringendo forte tra le mani il sasso più appuntito, che ha usato a mo’ di punteruolo per rigare entrambe le fiancate dell’auto. Un attimo di esitazione e poi l’ultimo raptus di rabbia: ha scardinato a mani nude i due specchietti quindi ha preso i documenti dell’auto e li ha gettati sulla ferrovia.

Con ogni probabilità l’uomo ha provato a fermarla perché all’arrivo delle forze dell’ordine (prima la Polizia di Stato e poi anche i Vigili Urbani) è risultato ammaccato pure lui: il volto graffiato e leggermente sanguinante. Nell’immediatezza il marito non ha sporto denuncia e così la donna è stata libera di andare via per accompagnare la figlioletta a scuola. Ma non è da escludere che, anche in vista della separazione, l’uomo possa sporgere denuncia nei confronti della compagna per danni e lesioni personali.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Auto sullo spartitraffico, paura all’incrocio Successivo Il futuro del territorio, Ponte sull’Ete e rifiuti: idee... comuni