Luce si mobilita contro la centrale di stoccaggio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Sant’Elpidio a Mare, 12 gennaio 2015 – Erano in tanti dietro a quello striscione in cui campeggiava la scritta «No stoccaggio gas», che ieri pomeriggio ha sfilato insieme alle rappresentanze di tanti altri Comuni e regioni: numerosi i cittadini (circa 60-70) che hanno raccolto l’appello lanciato dall’associazione ‘Luce viva’, ma non è passata inosservata la presenza di esponenti dell’Amministrazione comunale, due dei quali, gli ex assessori Gianluca Marcotulli e Marcello Diomedi, si sono occupati della centrale di stoccaggio. C’era anche il vicesindaco Franco Lattanzi (l’unico ancora in Giunta), cui il sindaco ha delegato la scottante questione. C’erano anche il consigliere di minoranza Gionata Calcinari e l’ex consigliere Rossano Orsili (entrambi di Alleanza comunale). Hanno sfilato a parte il comitato di quartiere Luce e il comitato cittadino contro la centrale di stoccaggio, con una rappresentanza simbolica.

«In questo momento è di estrema importanza restare uniti – hanno detto alcuni dell’associazione ‘Luce viva’ con un certo rammarico al termine della riuscitissima fiaccolata organizzata per continuare a dire ‘no’, con forza, alle centrali di stoccaggio – per cui il fatto di non stare tutti insieme per raggiungere il medesimo obiettivo non ci aiuta». Vero è che nel corteo che si è formato gli obiettivi che accomunavano i presenti erano gli stessi. In un palco allestito in piazza si sono succeduti gli interventi di esponenti dei comitati e per conto di ‘Luce viva’, ha preso la parola l’ex assessore Marcello Diomedi, che ormai sulla questione ha acquisito un’approfondita conoscenza tecnica. «Diomedi è la persona più preparata dal punto di vista tecnico per parlare della nostra situazione – dice il presidente dell’associazione Roberto Gallucci – per cui abbiamo ritenuto opportuno che illustrasse lui le istanze della città». Al ritorno, c’era in tutti la soddisfazione per la buona riuscita della manifestazione di protesta e l’auspicio che ci sia qualche riscontro e che sia davvero servita a sensibilizzare chi di dovere sulla forte contrarietà che i territori esprimono rispetto alle varie centrali di stoccaggio.

Marisa Colibazzi



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Il medico va in vacanza: i ladri gli svaligiano la villetta Successivo Ubriaco non si ferma all’alt: inseguimento nella notte della movida