L’Università va a tutto gas: ecco la monoposto da 110 e lode

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Ancona, 14 ottobre 2014 – Hanno affrontato avversari tedeschi, austriaci, concorrenti da budget milionari, senza neanche aver avuto l’opportunità di compiere almeno un giro di pista per testare la vettura. Così, con coraggio, passione e consapevole inesperienza, hanno lanciato la loro Peacock One, prototipo monoposto con motore di derivazione Smart, al confronto di vetture sponsorizzate anche dalla Red Bull. Sono gli studenti della facoltà di Ingegneria di Ancona che nell’ultimo anno hanno contribuito al progetto Polimarche Racing Team, scuderia corse nata nelle aule della facoltà di Monte Dago con l’obiettivo di partecipare al campionato di Formula Sae, Society of Automotive Engineers, www.sae.org.

Una competizione motoristica internazionale riservata agli atenei che ha lo scopo di incoraggiare studenti e giovani laureati a progettare, realizzare e testare una macchina da corsa monoposto. Gli stessi studenti coinvolti sono infatti responsabili di ogni momento dell’iniziativa, dalle fasi della progettazione a quelle della commercializzazione. Quelli della Polimarche Racing Team, coinvolti nell’idea oltre un anno fa dagli amici della Sapienza Corse, si sono messi in competizione con i rappresentanti di altri atenei italiani e stranieri con la loro monoposto, attraverso prove statiche e dinamiche in pista durante le quali il loro operato è stato giudicato da una giuria di esperti. Un progetto che è costato alla facoltà circa 40mila euro e che ha visto partecipare anche alcune aziende locali in qualità di sponsor.

La nascita e lo sviluppo della Polimarche Racing Team, la progettazione e la realizzazione della monoposto e le competizioni della scorsa estate sono stati presentati oggi pomeriggio nell’aula magna della facoltà di Ingegneria, alla presenza del rettore della Politecnica delle Marche, Sauro Longhi, del preside della facoltà, Dario Amodio, e di numerosi componenti della scuderia, dal team leader Martina Lavalle, ai vari capugruppo Francesco Codovilli, Eugenio Marchese, Stefano Malizia, Davide Cao (anche pilota), Vittorio D’Alleva, ai piloti Giacomo Svampa, Alessandro Maurizi, Michael Palmieri. La Peacock One dal benaugurante numero di gara 110 ha fatto ottima figura durante i quattro giorni di competizioni che si sono conclusi il 1 settembre scorso sul circuito Riccardo Paletti di Varano de’ Melegari. Il team della Polimarche è già al lavoro per reperire nuove risorse umane da impegnare per migliorare il minibolide targato Univpm in vista delle competizioni della prossima stagione.



 

Precedente Spariscono tutti i soldi Gallo al convento di suore Successivo A 28 anni piomba a terra davanti alla fidanzata