Lupi all’attacco, 15 pecore uccise

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ascoli Piceno, 11 marzo 2016 – I lupi avrebbero ucciso 15 pecore in tre attacchi a Montalto Marche e Monteprandone negli ultimi tre giorni. A denunciarlo è la Coldiretti. A Montalto è stata colpita l’impresa di Delio e Quinto Certelli, allevatori già vittime nei mesi scorsi di svariati attacchi. Sette gli animali uccisi, nella notte tra l’8 e il 9 marzo, più altre 4 pecore sbranate la scorsa notte, nonostante i due avessero vigilato a turno sul gregge. A Centobuchi di Monteprandone i lupi hanno attaccato l’allevamento di Palmarino Losani, produttore di formaggi e agrichef ad Expo, in occasione della presenza della Coldiretti ascolana alla kermesse milanese: 4 gli esemplari uccisi.

«L’aumento della pressione dei lupi e l’annosa e irrisolta questione del proliferare dei cinghiali stanno rendendo sempre più difficile l’attività delle aziende agricole – dicono Paolo Mazzoni, presidente di Coldiretti Ascoli Fermo, e il direttore Alessandro Visotti -. A peggiorare la situazione, il fatto che gli indennizzi sono fermi anche a tre-quattro anni fa, senza peraltro coprire che una minima parte del danno, mentre la recente delibera con l’introduzione di un tetto ai risarcimenti, il cosiddetto de minimis, andrà ulteriormente ad aggravare la situazione». La Coldiretti Marche ha incontrato la vice presidente della Regione Anna Casini e l’assessore alla Caccia, Moreno Pieroni, per sollecitare un intervento con l’impegno a sbloccare i fondi per le imprese danneggiate e a lasciare aperta la possibilità di risarcire anche le aziende con danni superiori al tetto di 15 mila euro in tre anni, adoperandosi assieme al Ministero delle Politiche agricole affinché l’Ue faccia marcia indietro.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Ascoli, anche l'Onu si interessa a Giorgi in mano a una tribù libica Successivo Fabriano - Dopo la vittoria a Sanremo, il Teatro Gentile sold out per gli Stadio