Lutto a Fabriano – Addio a Bonazelli, fu fondatore dell’azienda Fidea

cordoglio

– FABRIANO – IMPRENDITORIA fabrianese in lutto per l’addio all’89enne Sergio Bonazelli, storico fondatore e titolare dell’azienda Fidea specializzata in solventi e diluenti. L’uomo è deceduto a Capriolo di Brescia dove risiedeva ormai da anni, ma la sua figura è conosciutissima in città per aver dato vita ad una delle aziende più note del territorio. Anche alcuni fabrianesi hanno partecipato alla funzione religiosa stringendosi attorno alla moglie Vera e ai tre figli dell’industriale che negli anni Sessanta aprì l’azienda in città portandola avanti in prima persona fino al 1998 quando poi la cedette all’attuale proprietario Mauro Canil che nel 2001 ha trasferito l’attività a Matelica. Svariati decenni da capitano d’industria lo hanno fatto divenire una delle figure in assoluto più conosciute soprattutto negli anni Ottanta e Novanta quando la Fidea iniziò ad avere una rete di mercato sempre più ampia raggiungendo praticamente tutta l’Italia. La famiglia Bonazelli resta comunque proprietaria del circolo ippico di Brosciano, una delle strutture più frequentate della città, dove attualmente sono posizionati sia un ristorante, sia il centro di equitazione con tanto di strutture attrezzate per grandi e bambini. «Come imprenditore ha fatto la storia dell’industria del territorio», afferma Enrico Carmenati, da sempre legale di fiducia della famiglia Bonazelli, di rientro dalla cerimonia funebre in Lombardia. «Sergio si è fatto da solo, partendo da zero. Già nell’immediato dopoguerra a soli 19 anni ha iniziato a lavorare nel settore avendo ben chiaro l’obiettivo di aprire un’attività in proprio. C’è riuscito come meglio non poteva creando una florida realtà aziendale con svariate decine di dipendenti diretti ed una rete commerciale di altissimo profilo». Notizia riferita da Alessandro Di Marco IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Delitto Sarchiè: chiesti l’ergastolo per Giuseppe Farina e 20 anni per il figlio Successivo Monitoraggio dell’aria, arrivano nuove centraline