Maceratese in stato… De Grazia. L’Amiternina alza bandiera bianca

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Scoppito (L’Aquila), 22 febbraio – La Maceratese è inarrestabile e anche da Scoppito torna con una vittoria, che le consente di mantenere il vantaggio piuttosto rassicurante sul Fano.

A decidere la sfida contro l’Amiternina è stato un gol di De Grazia dopo otto minuti, nel corso di un primo tempo che la squadra di magi ha letteralmente dominato. Poi è diventata più accorta nella ripresa, senza correre comunque grossi rischi neanche dopo l’espulsione di Perfetti per doppia ammonizione.

La cronaca. La Maceratese mette subito in chiaro chi è che comanda e De Grazia trova il gol con un tiro dal limite che sorprende Di Fabio.

A questo punto i biancorossi controllano per un po’, poi tornano all’assalto dopo la mezz’ora. Superata la mezz’ora, Villanova e D’Antoni sfiorano il raddoppio con tiri dalla lunga distanza, poi Croce ci prova su punizione ma stavolta Di fabio risponde presente.

Nella ripresa le cose si complicano, perché dopo dieci minuti Perfetti, già ammonito, becca un altro giallo per un fallo a centrocampo e si fa espellere. Magi cambia, inserendo prima Petti e poco dopo Belkaid per Villanova e D’Antoni.

Ma neanche l’inferiorià numerica fa venire l’affanno ai biancorossi, che controllano senza troppi problemi e portano a casa i meritati tre punti

I tabellini

Amiternina: Di Fabio, Lenart, Shipple, Di Ciccio, Santilli, Cerrato, Scordella (17’ st Terriaca), Petrone, Torbidone, Gizzi. Di Paolo. All. Angelone.

Maceratese: Saitta, Cordova, D’Alessio, Croce, Garaffoni, Marini, De Grazia, Perfetti, D’Antoni 6 (27’st Belkaid), Villanova (13’st Petti), Kouko. All. Magi

Arbitro: Cipriani di Empoli .

Rete: 8’pt De Grazia.

Note: spettatori 250 (100 da Macerata); ammoniti Santilli, Perfetti, Di Paolo; al 10’st espulso Perfetti per doppia ammonizione.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Maceratese in stato... De Grazia. L’Amiternina alza bandiera bianca Successivo Lube, quanta fatica. Ma alla fine l’Altotevere si piega