Maltempo, automobilisti in trappola, ponte inagibile: famiglia evacuata

allagamenti fabriano

FABRIANO – Rocchetta Bassa travolta da acqua e detriti: in tre in fuga da casa. LA PIOGGIA caduta senza sosta dalla tarda mattinata di martedì al primo pomeriggio di ieri mette in crisi il Fabrianese che torna a fare i conti con frane e allagamenti. Molteplici le criticità sin dall’alba a partire dalla chiusura per diverse ore del ponte di Moscano, in quanto completamente inondato. Polizia municipale e tecnici del Comune sono stati costretti a rendere inagibile ieri mattina la struttura, costringendo i residenti della frazione a utilizzare una via secondaria. Proprio in quel tratto, peraltro, i pompieri hanno dovuto soccorrere alcune auto impossibilitate a proseguire a causa dell’acqua. Per qualche ora, invece, totalmente isolata una famiglia residente a Rocchetta Bassa, dove acqua e detriti si sono impossessati di un piccolo ponte e i tre residenti sono stati costretti a lasciare la propria abitazione per motivi di sicurezza, sebbene nel pomeriggio la situazione sia poi migliorata. I vigli del fuoco, invece, per ben quattro ore sono entrati in azione in via Bachelet, lungo la strada che conduce al Centro ambiente per il deposito dei rifiuti ingombranti. Lì, in un tratto di una cinquantina di metri, la strada si è allagata a causa della parziale tracimazione del Rio Bono l’affluente del fiume Giano , mentre su un campo adiacente si è aperto un vero e proprio cratere di almeno cinque metri direttamente collegato con lo stesso corso d’acqua. Nel pomeriggio la situazione è poi migliorata in quella zona prospiciente il cartonificio Biondi, ma l’allerta è stata alta anche nelle frazioni, in particolare a Ceresola dove ancora una volta si è dovuto fare i conti con uno smottamento nei pressi di una delle strade che conduce al paese e pure in questo caso un sottopasso è stato invaso dall’acqua. IN TUTTI i casi nel pomeriggio l’emergenza è rientrata, come confermato dal Coc, ovvero il centro di coordinamento dei soccorsi aperto dal sindaco con sede proprio all’ente municipale e contattabile telefonicamente allo 0732.709200. E proprio al centro operativo comunale si inizia a confrontarsi su una prima stima dei danni che sembra essere per il momento circoscritta a qualche migliaia di euro di spesa da parte del Comune, tuttavia non è affatto certo che l’ondata di maltempo possa dirsi conclusa in quanto anche per la giornata odierna non si escludono precipitazioni.

FONTE IL RESTO DEL CARLINO -Alessandro Di Marco-

 

Precedente Lancia un aspirapolvere contro la moglie, arrestato ex generale Successivo Piazza Annessione, rimontate le ante dei Cancelli