Manifestazione operai della Tecnowind davanti gli uffici comunali

© IL BORGHIGIANO
© IL BORGHIGIANO

Il Borghigiano nella qualità dell’autore e gestore Cav.Andrea Poeta, esprime totale solidarietà agli Operai della Tecnowind, agli Operai della Indesit, agli Operai della Cotton-Club, agli Operai della Best, agli Operai della ex Ardo, e a tutto il loro indotto, affinchè una volta tanto la politica sia Rossa, Bianca e Nera, si metta a tavolino in modo concreto e costruttivo per dare un futuro a tutti, imprenditori ed operai coinvolti in questa crisi comprese le loro famiglie. Fabriano è sempre stata il polo nevralgico e centrale mondiale dell’elettrodomestico, non possiamo permetterci in nessun modo di piombare nel baratro più nero, non possiamo più affogare il futuro dei nostri figli e dirgli che da grandi saranno anche loro dei disoccupati. Così non si può costruire il futuro. E obbligo della Politica di ascoltare il popolo, Ghandi diceva: “Ascoltare significa Amare”. Spero si possa ascoltare l’urlo dei Fabrianesi affinchè questo possa segnare una svolta positiva anche per le sorti dell’intera nazione. LAVORO LAVORO!!! NON E’ UNO SLOGAN MA UN DIRITTO!!!!!!

Il BORGHIGIANO

Uno di voi…. sempre

____________________________________________________________________________________________

ANCONA. 14 GIU. (FONTE MARCHE NOTIZIE)

Oltre alla crisi Indesit, Fabriano vive un’altra emergenza: l’esposizione bancaria della Tecnowind, azienda di cappe aspiranti, i cui fornitori minacciano istanza di fallimento.

350 lavoratori della Tecnowind di Fabriano stanno manifestando sotto la sede del Municipio. L’azienda che si occupa della produzione di cappe aspiranti è in crisi a causa di un’elevata esposizione bancaria e i fornitori minacciano la richiesta di fallimento.

Il sindaco e i consiglieri comunali sono scesi ad incontrarli prima di una riunione fra amministrazione comunale, azienda e rappresentati degli istituti di credito, guidati da una delegazione della Cassa di risparmio di Fabriano e Cupramontana.

Precedente Arrivano Salvatore Accardo e Paolo Rossi al Teatro delle Muse Successivo Fabriano: NON FACCIAMOCI SPEGNERE!!!!!