Mano pesante contro i ‘furbetti del mare’: una denuncia, 24mila euro di multa

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fermo, 20 ottobre 2014 – Sequestrati 195 chili di pesce, elevate multe per 24mila euro. E’ questo il bilancio dell’operazione ‘Secundum Legem’, messa in atto la settimana scorsa dai militari della Guardia Costiera appartenenti alla Capitaneria di Porto di San Benedetto del Tronto, all’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto San Giorgio e all’Ufficio Locale Marittimo di Cupra Marittima; l’attività di controllo e vigilanza sulla filiera della pesca è stata coordinata dalla Direzione Marittima delle Marche di Ancona.

I controlli effettuati sia a terra che in mare nelle province di Ascoli Piceno e di Fermo hanno portato alla denuncia del titolare di un’azienda per detenzione e commercializzazione di pesce sottomisura, all’elevazione di sanzioni amministrative per un ammontare di circa 24.000 euro per violazioni inerenti l’esercizio della pesca in zone vietate, etichettatura e tracciabilità dei prodotti ittici e al sequestro di 195 chili di pescato.

Inoltre, sono state sequestrati 7 attrezzi da pesca tra i quali tre draghe idrauliche e 4 rapidi. L’attività di vigilanza e di controllo degli uomini della Guardia Costiera proseguirà anche nel corso delle prossime settimane.



Precedente Sfruttamento della prostituzione Maxi rissa con sette arresti Successivo Il giovane favoloso 2/o al box office