Marche Cult, Pepi Morgia: il genio che sapeva estrarre il bello dal buio

IL BORGHIGIANO
Fonte il Messaggero Marche –
FONTE IL MESSAGGERO
ANCONA Un suo grande maestro, Joseph Svoboda faceva emergere dal buio immagini visive e mentali sui palcoscenici di tutto il mondo. Come lo scenografo boemo che ha finito per lavorare a lungo per la stagione lirica dello Sferisterio di Macerata, così Pepi Morgia, light designer e regista, si è legato alle Marche, in molti e diversi modi perché considerava questa la regione dove realizzare una parte dei suoi sogni, lontano dai clamori. 

Precedente FABRIANO - Case Erap al gelo, riaccese due caldaie su quattro Successivo Marche Cult, Guzzini: «Il segreto della luce sta nelle ombre»