Marche, due anziani morti per un’infezione da Listeria. Ecco l’alimento sospetto

1532072_ri5

Il Borghigiano Fabriano il blog delle Marche-Nessun allarmismo ma due anziani di 77 e 78 anni affetti da patologie croniche sono morti nel mese di agosto nelle province di Ancona e Macerata dopo aver contratto un’infezione da Listeria, un batterio molto diffuso nell’ambiente, ubiquitario e “opportunista”, tollerato entro limiti fissati dalle norme europee anche negli alimenti, ma che può rappresentare un rischio per persone immunodepresse per malattie o perchè in cura con farmaci immunosoppressori. La notizia dei due decessi è stata diffusa dalla Regione Marche.

L’Agenzia regionale sanitaria, i Dipartimenti di prevenzione dell’Asur e gli Istituti zooprofilattici sperimentali di Umbria-Marche e Abruzzo-Molise stanno ricercando le cause dei 13 casi di Listeriosi umana (contro gli otto del 2014) che si sono registrati nel 2015 nelle province di Pesaro Urbino, Ancona e Macerata, a partire dal maggio scorso. Gli accertamenti, condotti in collaborazione con l’Istituto superiore di Sanità e il ministero della Salute, hanno consentito di identificare “uno specifico ceppo di Listeria, isolato in 13 pazienti di un’età media di 72 anni. Dodici di questi pazienti erano affetti da patologie o condizioni debilitanti, o erano in terapia con farmaci che riducono la risposta immunitaria”.

Due uomini da tempo malati sono appunto deceduti l’estate scorsa. Le procedure per rintracciare l’alimento contaminato che funge da veicolo dell’infezione se manipolato in modo non corretto, si sono estese a tutte le filiere alimentari della tipologia di prodotti abitualmente consumati dai due anziani morti. Mesi dopo, a fine gennaio, dunque senza poter stabilire alcun legame diretto con i due decessi, è stato individuato un alimento a base di carne, una “coppa di testa” con il medesimo ceppo di Listeria tipizzato. A scopo precauzionale, spiega il dottor Alberto Tibaldi, dirigente della Veterinaria e Sicurezza alimentare dell’Agenzia sanitaria regionale delle Marche, “tutte le linee di produzione della coppa di testa sono state bloccate il 2 febbraio, così come la commercializzazione del prodotto”. Ma, osserva Tibaldi, “non bisogna creare allarmismi o ‘demonizzarè questo tipo di alimenti”, tanto più che gli accertamenti sono nella fase iniziale. “La maggior parte dei soggetti adulti in buona salute dopo il consumo di alimenti contaminati da Listeria, non presenta alcun sintomo – aggiunge il dottor Giuliano Tagliavento, dirigente della Promozione e Prevenzione salute dell’Agenzia sanitaria -, o manifesta sintomi simili a quelli influenzali o gastroenteriti. Il rischio di sviluppare una malattia grave (sepsi e meningiti) è elevato solo nelle persone affette da altre patologie, che determinano la diminuzione delle difese immunitarie. Nelle donne in gravidanza l’infezione può causare aborti o sepsi neonatali”. Nelle Marche comunque il livello di sorveglianza delle malattie infettive è “elevatissimo e capillare”.

Fra i consigli, quello di attenersi ad una corretta gestione degli alimenti, e di tenere i cibi cotti in frigorifero. Il batterio della Listeria si trova più comunemente sulla crosta di formaggi freschi molli, o in formaggi a base di latte crudo, salmone affumicato, carni fresche non stagionate, ma anche nei vegetali. La cottura dei cibi uccide il germe. I primi sintomi si possono rilevare anche a distanza di 70-90 giorni dall’assunzione di cibo contaminato.

IL MINISTERO: ECCO IL LOTTO DELL’ALIMENTO SOSPETTO
Il ministero della Salute ha pubblicato questo avviso sul suo sito istituzionale: «In relazione a casi di Listeriosi umana avvenuti nelle Regioni Marche e Umbria, causati dallo stesso ceppo di Listeria Monocytogenes riscontrata su un successivo campione di alimento sospetto, si avvisano i consumatori che il prodotto denominato »Coppa di Testa« lotto n. 51209 con scadenza 09/01/2016, della ditta Salumificio Monsano srl sito in via Toscana n.27, Monsano (AN) (CE IT 1523 L) è risultato contaminato. Le Autorità competenti della Regione Marche, dopo un sopralluogo effettuato presso la ditta Salumificio Monsano srl, hanno sospeso l’attività produttiva dello stabilimento e la vendita di tutte le tipologie di alimenti, in quanto Listeria monocytogenes è un germe che contamina l’ambiente e, pertanto, anche gli altri prodotti dello stesso stabilimento potrebbero essere a rischio. A scopo precauzionale, si avvisano i consumatori di non consumare tutte le tipologie di prodotti della ditta Salumificio Monsano srl di Monsano (AN) (CE IT 1523 L), via Toscana n. 27 eventualmente in loro possesso. Si ricorda ai consumatori che la listeriosi fa parte del gruppo di malattie definibili come tossinfezioni alimentari e prende il nome dall’agente patogeno che la causa, il batterio Listeria monocytogenes. La listeriosi è particolarmente pericolosa per le persone immunodepresse, malati di cancro, diabete, Aids, persone anziane, neonati e donne in gravidanza». La Regione Marche ha diffuso un nuovo comunicato in cui sottolinea che «i due decessi registrati nei mesi scorsi (agosto 2015, in provincia di Macerata e Ancona) non sono direttamente collegati al consumo dell’alimento contaminato che è stato identificato dalle autorità sanitarie nel gennaio 2016».

Notizia riferita dal Corriere Adriatico

Precedente Intervista a Varani, Rai nella bufera "E' stato permesso di processare Lucia" Successivo Loreto, inversione fatale sulla Statale dopo un periodo di preghiera in Basilica