Marche in ginocchio per il clima torrido. Malori e rischio incendi

animation-satellite-ir-france

IL BORGHIGIANO FABRIANO © IL BLOG – A un passo dal livello 3 dell’ondata di calore: quello rosso, che indica il pericolo più elevato.

Le Marche soffocate dal caldo boccheggiano. Numerose le segnalazioni di malori che provengono da tutta la regione, in particolare da Ancona e Macerata. Colpite soprattutto le persone più anziane, che insieme ai bambini per classe di età, e ai cardiopatici per patologie, sono le categorie più a rischio.

Il livello di pericolo delle ondate di calore si attesta per la giornata di oggi a un livello intermedio tra l’1 e il 2. Il rischio più elevato è in provincia di Ancona, a Urbino e Fermo: le temperature percepite oscilleranno tra i 34 e i 36 gradi. La previsione per domani è che anche le zone finora risparmiate saranno coinvolte con l’eccezione di Pesaro e San Benedetto dove la brezza marina avrà un effetto rinfrescante con temperature effettive a 37 gradi (Macerata) e percepite a 38.

Le previsioni per la giornata odierna diffuse dalla Protezione civile regionale. Il cielosarà inizialmente sereno o poco nuvoloso, con aumento della copertura di tipo cumuliforme sul settore montano e collinare nel pomeriggio e ritorno a condizioni di cielo sereno in serata. Previsti rovesci o temporali sparsi durante le ore pomeridiane, che andranno ad interessare principalmente il settore montano e collinare e, solo localmente, anche la fascia costiera. Temperature in aumento. Venti a regime di brezza. Mare quasi calmo, poco mosso durante le ore pomeridiane.

L’Asur Marche ricorda che è attivo il numero verde 800 450 020 del Progetto Helios, il servizio di assistenza telefonica domiciliare dedicato agli anziani soli a casa per fronteggiare l’emergenza climatica estiva e le eventuali ondate di calore che potrebbero causare danni alla salute. Il servizio di call-center è gratuito e attivo tutti i giorni, compresi festivi e prefestivi, dalle 9 alle 19.

Il call-center offre due servizi: innanzitutto fornisce informazioni generali sui comportamenti da adottare per difendersi dal caldo (alimentazione, stili di vita, ecc – opuscolo Helios); in secondo luogo gli operatori del call-center offrono accoglienza e ascolto, danno informazioni sull’accesso ai servizi sanitari e forniscono agli anziani, che lo desiderano, un servizio di tutela telefonica attiva che consiste nell’effettuazione di telefonate giornaliere per fornire informazioni sull’accesso ai servizi e per raccogliere eventuali segnali di disagio.

Non solo le persone sono a rischio, infine. La Protezione civile ha redatto un’informativa sul rischio degli incendi boschivi. “Il previsto incremento delle temperature – vi è scritto -, unitamente alle condizioni pregresse dello stato dei suoli, determinerà un aumento diffuso della suscettività all’innesco ed alla propagazione degli incendi che, dalla giornata del 16 luglio e fino a fine periodo, potrà raggiungere il livello “alto”. Il livello “alto” implica che, ad innesco avvenuto, l’incendio si propagherà in maniera tale da poter rapidamente raggiungere dimensioni e intensità tali da renderlo difficilmente contrastabile con le sole forze ordinarie, ancorché rinforzate, richiedendo anche il dispiegamento di mezzi aerei.

GUARDA LE PREVISIONI DELLA TUA CITTÀ

CE LO RIFERISCE IL CORRIERE ADRIATICO

Precedente Sventola la dodicesima Bandiera Blu: cerimonia in Comune Successivo Trenitalia, nelle Marche arriva Swing