Marche, tossicodipendenti impegnati nella tutela ambientale

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Ancona, 17 novembre 2014 – Nelle Marche il recupero dalle dipendenze patologiche passa anche attraverso l’impegno concreto per la salvaguardia dell’ambiente. Se ne è parlato oggi in una conferenza stampa nella quale l’assessore regionale alle Politiche sociali, Luigi Viventi ha illustrato le finalità di una recente deliberazione che destina 340mila euro a un’azione di inclusione sociale, per ora della durata di un anno, in cui opereranno in collaborazione gli enti privati accreditati per il recupero di soggetti tossicodipendenti, il Consorzio di Bonifica delle Marche e l’Asur-Dipartimento per le Dipendenze patologiche.

Si tratta di una serie di interventi che impegnerà nella pulizia degli argini di laghi, dighe e nella manutenzione dei fossi agricoli e stradali alcuni tossicodipendenti attualmente in cura nelle strutture di recupero.



 

Precedente Direttissima Ancona-Perugia: ceduto il ramo di azienda ad Astaldi Successivo Muore la moglie dell’imprenditore Paoloni, Appignano in lutto