Maremmani fanno strage in un pollaio, allevatore esce e spara con la pistola

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Matelica (Macerata), 18 giugno 2015 – Non si trattava di volpi o faine, bensì di ben quattro pastori maremmani che, abbandonato il gregge da custodire, hanno pensato di andare a far visita in un pollaio poco distante uccidendo diversi pennuti. È successo nella tarda serata di mercoledì nelle campagne in territorio di Matelica dove i quattro cani hanno attaccato il pollaio creando panico tra gli animali da cortile che hanno iniziato ovviamente a starnazzare richiamando l’attenzione del proprietario. Quest’ultimo, vedendo piume volare dappertutto e i quattro maremmani che rincorrevano i volatili, al fine di evitare una strage , è rientrato in casa dove ha prelevato una pistola calibro 38 con la quale ha sparato cinque colpi in aria mettendo in fuga i cani. Il contadino ha poi chiamato i carabinieri della locale stazione i quali, giunti sul posto, dopo aver ascoltato il racconto dell’uomo ed effettivamente constatato l’uccisione di quattro galline e due oche, lo hanno denunciato alla procura della Repubblica di Macerata per detenzione e porto abusivo di arma ed esplosioni pericolose. Infatti, I.R.V.C., 36 enne di origini belghe ma residente a Matelica, non aveva mai denunciato alle autorità italiana il possesso dell’arma, una pistola Smith & Wesson calibro 38 special e del relativo munizionamento , circa 100 cartucce da sparo, che l’uomo aveva portato con sé dal suo paese di origine. La pistola e i proiettili sono stati sottoposti a sequestro mentre sono in corso accertamenti sul conto del vicino proprietario del gregge, e quindi dei cani, per verificare la pericolosità degli animali e la loro iscrizione all’anagrafe canina.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Civitanova, topi d'auto scatenati Razziate 14 auto in meno di 10 giorni Successivo Macerata, il saluto del prefetto Giardina Il nuovo incarico a Sassari. "Grazie a tutti"