Martedì torna la Fiera del Riuso, gli oggetti dimenticati riprendono a vivere

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 28 maggio 2015 – E’ l’occasione giusta per liberare soffitte e cantine. Un modo per restituire dignità e valore ad oggetti e indumenti che altrimenti finirebbero nel cassonetto. Ma soprattutto, è un’occasione per riunire la famiglia in un momento di festa e allegria, riscoprendo il senso del volontariato e dell’impegno. Martedì 2 giugno torna la Fiera Regionale del Riuso, un evento che lo scorso anno ha radunato al Parco Scarpellini almeno 10.000 visitatori in due giorni. Una grande kermesse che riunisce famiglie, scuole, associazioni e società sportive. Sono oltre 50 i volontari che la preparano da tempo, coordinati da molte realtà del terzo settore cittadino.

Martedì dunque (nel giorno della festa della Repubblica), il Parco di Muraglia sarà vivacizzato da un’infinità di laboratori, dimostrazioni sportive e ludiche, ma anche spettacoli musicali, magia ed esibizioni. Non mancheranno poi le tradizionali «bancarelle» ricche di abiti semi-nuovi per bambini da 0 a 12 anni venduti a piccoli prezzi, «il cui ricavato – dichiara il presidente dell’associazione Gulliver, Andrea Boccanera – servirà a finanziare l’attività dei volontari nelle scuole cittadine». Insomma, una vera esplosione di musica e colori, ma anche sapori visto che non mancheranno stand gastronomici a prezzi popolari.

«Questa terza edizione si apre con la novità dei concerti serali – racconta Valeria Gianni, volontaria di Gulliver – per cui la manifestazione proseguirà senza sosta dalle 10 alle 22. Una grande macchina che mette al centro il volontariato, ed è proprio grazie a questo se si conferma un successo. Lo scorso anno abbiamo accolto oltre 10.000 visitatori, con i motorini parcheggiati anche sui «tetti». Un grazie particolare va ai volontari dell’Auser, ed all’associazione Mamme Marchigiane, che hanno dato all’evento un respiro regionale».

Tra le fila dei volontari ci sono anche diversi stranieri, sulla scia del progetto di Gulliver «Esperanto», che coinvolge gli immigrati in piccoli lavori per la città. «Invitiamo le famiglie a partecipare e a visitare i nostri mercatini – rimarca Valeria – dove restituiamo un anima a cose dimenticate ma ancora utili».

«E’ una realtà incredibile – ha commentato il vicesindaco Daniele Vimini – una festa veramente grande, nata dal basso, ma con risvolti che valicano i nostri confini e costituiscono una grande opportunità. Il merito è soprattutto di Gulliver, che tutto l’anno porta avanti tante iniziative meritevoli. Sarà una giornata bella da vivere, ricca di stimoli, un appuntamento centrale per l’amministrazione». In caso di pioggia, la festa sarà rinviata a domenica 7 giugno.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Spazio Marche apre domani all'Expo Successivo Detenuto morto impiccato carcere Ancona