Mattucci in carcere, Ginnobili: "La Palace srl non si ferma"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova, 9 ottobre 2015 – Tra le società finite nella galassia dei sequestri preventivi a carico di Mauro Mattucci, dai domiciliari ricondotto in carcere su richiesta della Procura di Pescara nell’ambito dell’indagine ‘Banco-Matt’, c’è anche la Palace Srl di Civitanova che gestisce il palasport e di cui la Civita Park detiene il 10% del capitale. Un soggetto che per il Movimento 5 Stelle «ha una situazione finanziaria altamente compromessa visto che evidenziava, già al dicembre 2014, debiti per 5.474.388 euro in meno di 3 mesi di attività. Nell’assemblea dei soci del 30 aprile 2015, poi, il curatore fallimentare della Civita Park non ha approvato il bilancio, passato quindi a maggioranza». Ma il commissariamento della Palace, per la quale la Procura di Pescara ha nominato quattro amministratori giudiziari, non preoccupa Giuliano Ginnobili, amministratore unico della società che gestisce il palazzetto dello sport.

«Stiamo attendendo – dice – i documenti, ma nessuna sorpresa. Tutto quanto sta accadendo appartiene al logico sviluppo della procedura delle indagini. In un momento come questo e dentro un clima di sospetto che non risparmia nessuno, l’arrivo degli amministratori nominati dalla Procura di Pescara è una garanzia. Da loro non può che arrivare chiarezza. Quanto alla Palace, non si blocca nulla. La società continuerà ad operare portando avanti la sua attività e gli eventi nel palasport, sportivi e non solo. Perciò porte aperte alla magistratura perché possa verificare tutto». I grillini però prefigurano scenari cupi: «In caso di bancarotta fraudolenta potremmo arrivare all’annullamento degli atti varati nell’anno precedente e anche gli accatastamenti del palas e dell’ente fiera potrebbero essere a rischio».

Quindi l’attacco all’amministrazione comunale. «Il 17 maggio del 2014 ha approvato di concedere oltre 2 milioni di garanzia sul mutuo erogato dal Credito Sportivo per la realizzazione del palasport. Ad oggi ancora non si capisce il motivo dell’enorme esposizione bancaria a favore di una società, la Palace Srl, che già qualche settimana prima della firma di garanzia del mutuo da parte del Comune aveva presentato un piano di risanamento».

 

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano- Successivo Sassoferrato, operaio resta schiacciato dal muletto e rischia di perdere una gamba