Maxitruffa milionaria, alimenti spacciati per biologici

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 27 novembre 2015 – Con la richiesta di rinvio a giudizio di 33 persone si è conclusa l’inchiesta della procura ‘Vertical Bio’, che ha portato alla luce un vasto traffico di granaglie spacciate per biologiche e destinate all’alimentazione animale ma anche umana.

Le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza di Pesaro e dall’Ispettorato Repressione Frodi del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali. Stando agli accertamenti, dal 2007 al 2013 i promotori della truffa hanno immesso sul mercato Ue 350 mila tonnellate di granaglie, provenienti da Moldavia, Ucraina e India e destinate al comparto zootecnico ma anche all’alimentazione umana, spacciate per bio e fornite di tutta la certificazione necessaria. In realtà soia, mais, grano tenero e lino, del valore complessivo di circa 120 milioni di euro, non solo non avevano i requisiti per essere classificati come biologici (compresa la coltivazione interamente senza sostanze chimiche o ogm), ma in qualche caso neppure quelli per essere consumati: c’erano tracce di organismi geneticamente modificati ma anche di diserbanti, come il glyphosate e brachizzanti (regolatori della crescita) o il clormequat.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Truffa granaglie, 33 richieste giudizio Successivo Senigallia, cadavere in spiaggia: è un uomo che indossa una tuta da lavoro