McDonald’s, in fila con il curriculum: colloqui di lavoro in piazza

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Fano (Pesaro e Urbino), 7 ottobre 2014 – E’ sbarcato in piazza XX Settembre suscitando un bel po’ di curiosità tra i fanesi il McItalia Job Tour, l’evento itinerante di selezione del personale che viene impiegato per le nuove aperture McDonald’s lungo la penisola.

Dalle 10 alle 18 è stato allestito il villaggio in cui si sono svolti i colloqui individuali per reclutare i 20 nuovi crew che lavoreranno nel primo ristorante McDonald’s di Fano, che aprirà entro la fine di ottobre (disporrà di una superficie complessiva di circa 450 mq interni e 300 esterni, per 134 posti a sedere interni e 68 esterni) a Metaurilia.

McDonald’s, alla fine del 2012, ha fatto un annuncio importante: 3.000 nuovi posti di lavoro in 3 anni. Dalla data dell’annuncio a oggi McDonald’s ha già aperto 55 ristoranti – di cui 18 nel 2014 – e assunto oltre 1650 persone. A Fano l’azienda ne cerca 20 e per incontrarle, per raccontare loro cos’è McDonald’s, per dare concretezza alla promessa, ha deciso di organizzare il McItalia Job Tour.

I colloqui individuali di oggi sono stati riservati alle persone che si sono candidate sul sito www.mcdonalds.it inserendo il proprio cv e rispondendo alle domande di un test comportamentale che restituisce un’analisi completa del profilo del candidato. Soltanto i candidati selezionati, che hanno ricevuto conferma da McDonald’s con convocazione e orario, hanno potuto accedere ai colloqui. Per i candidati e per tutti coloro gli altri che erano interessati a conoscere l’azienda è stato presente il management di McDonald’s Italia, che ha dato informazioni sul mondo McDonald’s e sulla campagna di assunzioni e aperture in corso. Presenti anche i dipendenti degli altri ristoranti della zona per raccontare agli aspiranti candidati la loro esperienza, in un’occasione unica di confronto.



 

Precedente Elwin, in Olanda avrebbe Alfano problemi Successivo ‘Letteraria’, tre giorni di cultura. E gli studenti salgono in cattedra