Messo a chiedere l’elemosina a 13 anni, condannati i familiari

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

PER AVER messo un minorenne a chiedere l’elemosina per strada, sono stati condannati due suoi parenti, mentre la madre è stata assolta. Il fatto era successo a Civitanova il 4 luglio del 2012. Alle 11.30, una pattuglia dei carabinieri aveva notato il bambino – un rom di 13 anni, residente in provincia di Foggia – mentre chiedeva l’elemosina alle auto ferme al semaforo all’imbocco della superstrada.

Al termine delle indagini sul caso, la madre fu accusata di abbandono di minore, mentre lo zio e un altro parente furono imputati di impiego di minori nell’accattonaggio. Al termine del processo, ieri in tribunale a Macerata, il pm (avvocato Rocco Dragonetti) ha chiesto la condanna per tutti e tre. Il giudice Claudio Bonifazi ha invece condannato a tre mesi lo zio e l’altra donna, e ha assolto «perché il fatto non sussiste» la madre. Tutti e tre erano difesi dall’avvocato Maria Cristina Tasselli.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Sorpreso a rubare in un’auto: ladro bloccato dalla proprietaria Successivo Civita Center, ultimo atto: anche l’ultimo negozio verso il trasferimento