Minacce ai passanti coi machete, arresto convalidato

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Ancona, 5 settembre – Arresto convalidato ma riserva sulle misure restrittive da adottare. Questa la decisione del gip di Ancona Alberto Pallucchini per  Precious Omobogbe, 26 anni, il nigeriano arrestato dopo aver seminato il panico con due machete a Jesi. L’interrogatorio è stato rinviato, dato che l’uomo, ricoverato nel reparto psichiatrico dell’ospedale di Jesi dove viene tenuto sotto sedazione, non è ancora in grado di sostenerlo. Omobogbe, dagli accertamenti fatti, era risultato positivo ai cannabinoidi, all’alcol e alle benzodiazepine, un mix esplosivo che potrebbe essere alla base del suo comportamento folle.

Operato nell’ospedale di Jesi per estrarre dalla gamba sinistra un proiettile esploso da poliziotto che lo aveva colpito di rimbalzo, era stato poi trasferito nel carcere di Montacuto. Ma la sua permanenza qui è durata solo poco meno di due ore perché una volta cessati gli effetti dei calmanti l’uomo ha ripreso a dare in escandescenze e ad avere comportamenti violenti. Il pm Valeria Sottosanti disporrà con ogni probabilità una perizia psichiatrica. Omobogbe è  accusato di tentato omicidio, lesioni personali, furto e danneggiamento aggravati, resistenza a pubblico ufficiale.

 



Precedente Oipa, no a circo che viola norme Cites Successivo Evase da Roma, cercavano ​case da svaligiare: arrestate