Minacce, sputi e lanci contro il guardalinee: maxi squalifica

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Recanati (Macerata), 28 ottobre 2015 – Squalifica del Tubaldi per quattro giornate e la Recanatese dovrà giocare in campo neutro e a porte chiuse: è quanto ha deciso il giudice sportivo dopo aver letto il referto arbitrale sulla paritta che i giallorossi hanno perso a Scoppito contro l’Amiternina. Non solo, alla società è stata inflitta un’ammenda di 2.500 euro. Ed ecco le motivazioni che hanno portato alla pesante sanzioni da parte del giudice di serie D. «I sostenitori della Recanatese – si legge – hanno rivolto espressioni gravemente minacciose ed ingiuriose a un assistente arbitrale per l’intera durata della gara, inoltre sono stati continuamente lanciati oggetti all’indirizzo dello stesso assistente colpendolo ad una spalla con parte di un seggiolino divelto dalla tribuna; l’ufficiale di gara è stato poi fatto oggetto del lancio di numerosi sputi che lo colpivano sulla schiena; è stato poi introdotto ed acceso un fumogeno nel settore ad essi riservato; sono stati poi divelti due seggiolini dal settore loro riservato. La sanzione è stata così determinata in considerazione di una condotta ad arrecare gravi danni alla integrità fisica dell’ufficiale di gara colpito, nonché dell’idoneità del materiale pirotecnico impiegato a cagionare danni alla integrità fisica dei presenti. Si fa obbligo di risarcire i danni se richiesti e documentati».

Le altre decisioni del giudice.

Giulianova: 700 euro «perché nel corso della gara i sostenitori hanno lanciato sul terreno di gioco una bottiglietta di plastica semipiena senza colpire alcuno, ed acceso un fumogeno nel settore loro riservato. Sanzione così determinata in considerazione della idoneità del materiale».

Fermana: 300 euro.

Calciatori

Squalifica per due gare: De Bellis, Saltarin e Di Rienzo (Isernia)

Una gara

Lupinetti (Folgore Veregra), Cossu (Olympia Agnonese), Capparuccia (Castelfidardo), Ferrini (Fermana)

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Assalto al bancomat, ma i ladri scappano a mani vuote Successivo San Benedetto, il quartiere ‘Mare’ dice no ai Poru: «Non vogliamo l’alimentare»