Miss Over, domani la vincitrice

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Pesaro, 16 ottobre 2014 – Sono 81 le finaliste confermate della 22esima edizione del concorso di bellezza Miss Over, arrivate a Pesaro al Baia Flaminia Resort, mentre procede l’allestimento della sala Tritone dove ieri si sono tenute le prime prove, coordinate dalla coreografa Eleonora Calvarese. Il primo evento ufficiale della finale sarà comunque la foto di rito con tutte le partecipanti. La giornata prosegue con le ultime prove e nella serata pesarese avremo la nuova Miss Over Baby 2014, che succederà alla bellissima Irene Tellini da Firenze. Domani, invece, sarà eletta la Miss Over 2014, che succederà all’altrettanto bellissima Carlotta Pascarella da Bologna.

La finale di sabato 18 sarà anche ripresa per la televisione e andrà in onda sulla piattaforma Sky. Confermata la presidenza della giuria di esperti del settore: sarà Sonia Borgonovo (da L’Isola dei Famosi) a coordinarne l’attività. Come da tradizione, la votazione dei giudici sarà palese ed effettuata subito dopo la prova di abilità che ogni candidata proporrà, appunto, ai giudici. Main sponsor della manifestazione 2014 sarà ancora Beauty Luxury , eccellenza del mercato italiano nei prodotti per il benessere. La corona di questa edizione, così come parte dei gioielli e bijoux indossati dalle finaliste, è a cura di Athena Gioielli, da Riccione. La direzione del palco è anche quest’anno affidata a Marcello Bernucci, mentre l’allestimento tecnico è realizzato dalla Amplilux di San Giovanni in Marignano con le scenografie della SV Service di Rimini. Tutta la gestione web della manifestazione e delle selezioni nazionali è affidata alla Hetech di Riccione ed al web engineer Giancarlo Tonti. Sarà l’ideatore del concorso, Elio Pari, a celebrare l’evento nel ruolo di conduttore, affiancato dalla giornalista Cinzia Sguotti.



 

Precedente CHE DIO CI AIUTI 3, questa sera su Rai 1, le anticipazioni della fiction girata a Fabriano Successivo Ricci : «Manovra forte e coraggiosa ma vanno rivisti i tagli agli enti locali»