Molo off limits, corteo di protesta dei pescatori

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova Marche (Macerata), 12 aprile 2015 – Al grido di «porto libero» s’è snodata la passeggiata di protesta organizzata dall’associazione sportiva Golden Fish e dal negozio Verde Azzurro. Si sono radunati in 400 alle 16.30 in piazza issando cartelli e striscioni e si sono diretti a piedi al molo sud transitando lungo il vialetto, nel Lido Cluana e in via Menotti. Il passaggio davanti alla Capitaneria il più rumoroso. Fischi, applausi di scherno e il coro «buffone buffone» contro il comandante, Michele Grottoli, unica caduta di stile di un corteo che per il resto ha manifestato civilmente il dissenso per la politica dei divieti in porto che hanno reso zona out anche gli scogli su cui generazioni di civitanovesi si sono appollaiati a pescare, prendere il sole, fare foto. Un cartello avvertiva «lo scoglio è la nostra poltrona». un altro «il porto non è una caserma», branditi da bambini e da pescatori sportivi, che davanti alla Capitaneria hanno sostato a lungo. Nel corteo anche vongolari civitanovesi di stanza al porto di Ancona, a cui Grottoli ha ritirato il pass per entrare ai moli di Civitanova. Tanti i pescatori sportivi convinti che i divieti penalizzino il turismo e il commercio e che chiedono «che il porto venga restituito a chi lo ha sempre amato e rispettato».



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente In prossimo Cdm caso l.elettorale Marche Successivo Calcio, Samb sconfitta, maglie giocatori su campo