Mondolfo si tuffa nel Medioevo con ‘La Cacciata’

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Mondolfo (Fano), 20 settembre 2015 – Grazie all’impegno della rinnovata associazione ‘Pro Loco Tre Colli’ del presidente Foster Barbarini, torna oggi a Mondolfo, dopo uno stop lungo 10 anni, la rievocazione storica ‘La Cacciata’, che durante gli anni ’80 e ’90 richiamava nella cittadina, oggi ascritta fra i ‘Borghi più Belli d’Italia’, migliaia di visitatori da tutta la regione. La kermesse, patrocinata dal Comune, consentirà di fare un suggestivo tuffo a ritroso nel tempo, sino ai fasti del Rinascimento, in particolare al 16esimo secolo e di rievocare una disciplina sportiva che appartiene alla storia mondolfese: il gioco del pallone col bracciale, che da queste parti si praticava già nel 1520 e ancora oggi ha diversi ‘proseliti’.

La disputa della partita, con tre giocatori per parte (col ‘bracciale’ al polso, una sorta di manicotto di legno munito di sette cerchi contornati di 105 punte di sorbo o corniolo, con cui va colpita la palla) nella centrale piazza Borroni, sarà uno dei momenti caratteristici della manifestazione, che proporrà, comunque, tutta una serie di altre attrattive legate al Rinascimento. In azione armigeri, sbandieratori e saltimbanchi, accanto a 200 figuranti vestiti con abiti di 5 secoli fa realizzati con assoluto rigore filologico da un eccellente laboratorio sartoriale che vede al lavoro un gruppo di bravissime volontarie locali. E tanti altri volontari, in tutto più di 50, si sono impegnati per allestire l’’Accampamento degli armigeri e degli arcieri alle mura del castello’, il ‘Mercato del bestiame al Mont’Sario’, il ‘Mercato antico’ al Largo Neviera e il ‘Mercato delle erbe e dei dolci sapori’ al Bastione Sant’Anna, oltre che le locande e gli stand gastronomici, che saranno aperti sia per il pranzo che per la cena servendo pappardelle al cinghiale, zuppa di fagioli e cotiche, oca al forno, maialino al forno e altre specialità locali. ‘La Cacciata’ è anche l’occasione giusta per visitare l’intero centro storico di Mondolfo col suo imponente palazzo municipale, il museo civico, la chiesa monumentale di Sant’Agostino… L’ingresso alla rievocazione è gratuito.

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Fermo, incendio nella casa di riposo Evacuati quaranta anziani Successivo Via l’acqua dal Candigliano, riaffiorano le antiche pietre