Montegranaro: caso di tubercolosi a scuola. “Situazione sotto controllo”

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
Il Borghigiano Il Resto del Carlino

Montegranaro (Fermo), 13 settembre 2014 – Un caso di tubercolosi è stato accertato in una persona adulta, di nazionalità italiana, che appartiene al personale scolastico non docente (impiegata in segreteria) ed è già stata sottoposta alla profilassi del caso da parte del servizio di igiene e sanità pubblica, prontamente intervenuto dopo la segnalazione attivando il consueto iter. Il fatto dovrebbe risalire a diversi giorni fa, ma la notizia è trapelata solo ora.

Il dottor Giuseppe Ciarrocchi (direttore del servizio) assicura che la situazione è sotto controllo, che la Tbc polmonare si cura come tutte le forme di tubercolosi e i genitori possono stare tranquilli. «Si tratta di un caso di Tbc polmonare verificatosi nell’Isc cittadino in un soggetto adulto, appartenente al personale scolastico non docente», conferma. Essendosi verificato in un periodo in cui le scuole sono chiuse, sono esclusi contatti diretti con bambini e ragazzi dell’istituto, «pertanto al momento non è necessario estendere lo screening alla restante popolazione scolastica». «Abbiamo tempestivamente attivato le procedure previste dalle linee guida regionali e nazionali per la sorveglianza delle malattia tubercolare. Tutte le azioni già intraprese e quelle in via di attuazione mirano a garantire la tutela della salute pubblica», spiega ancora Ciarrocchi per sgomberare il campo da ogni timore in vista dell’avvio dell’anno scolastico, lunedì. «Considerato che il caso di Tbc si è verificato nel contesto di una struttura scolastica e all’interno di una comunità che ha già assistito ad un’epidemia di Tbc — è l’ulteriore rassicurazione — abbiamo deciso di effettuare lo screening che coinvolge tutto il personale docente e non docente dell’istituto, circa 200 soggetti».

Inoltre, da quando il caso è stato segnalato, sono trascorsi diversi giorni: un altro dato che dovrebbe sgomberare il campo da timori. Tra l’altro non sono così rari i casi di Tbc: nel Fermano, il servizio diretto da Ciarrocchi ne tratta 12-13 all’anno, che si verificano nei contesti più diversi. Casi che, come quest’ultimo, sono stati tutti affrontati e risolti senza conseguenze o rischi per nessuno.



Precedente Vuelle, contro Mantova vittoria sul filo Successivo Malore in parrocchia: muore sacerdote. Addio a padre Ilarino Carosi