Monteleone di Fermo: una nuova azienda dalle ceneri della Vinfood

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
FONTE IL RESTO DEL CARLINO

Monteleone di Fermo (Fermo), 14 novembre 2014 – Riparte un piano di rilancio della filiera alimentare nel territorio. Si apre dunque un nuovo orizzonte per alcuni ex dipendenti della Vinfood, l’azienda alimentare di Monteleone di Fermo, che dopo un travagliato periodo lavorativo fatto di scioperi, incontri e contrattazioni politiche e sindacali durate circa un anno, è sfociato nella chiusura dell’azienda, avvenuta il 3 marzo dell’anno scorso. Dal quel giorno per i circa 90 dipendenti dell’azienda e le loro famiglie si è aperto un periodo nerissimo.

Oggi sembra che qualcosa sia finalmente cambiato. È stata fondata di recente la Farmont Food srl di Monteleone di Fermo, guidata dal bolognese Pierluigi Peri e dal suo amministratore delegato Mauro Vitali, che ha acquisito un tris di marchi dal fallimento Parima Macerata srl, ovvero i marchi ‘Parima’, ‘Forno Piceno’ e ‘Antichi Forni’. Parima è il noto marchio storico facente parte del fallimento dei Panifici Riuniti Macerata, azienda operante nel territorio interregionale dal 1969. «L’operazione da noi conclusa – spiega Pierluigi Peri, supervisore della società di Monteleone – rientra nel programma di ‘obiettivo crescita di filiera alimentare che ci siamo posti per i prossimi anni’. I marchi Parima, Forno Piceno e Antichi Forni sono assets immateriali importanti per completare la nostra gamma di prodotti mancante per il pane, i dolci e i prodotti da cereali». Per il closing dell’operazione la Farmont Food è stata assistita dal business consultant Francesco Columbro (Renier & Associati) di Fano, che ha agito in qualità di advisor come commercialista e revisore.

La notizia è stata accolta con piacere dal sindaco di Monteleone di Fermo, Vittorio Paci, che tanto si era speso per gli operai. «Nessuno mi ha comunicato nulla – ha commentato – spero che qualcuno quanto prima mi mostri il piano industriale. Ben venga il tentativo e spero che possa coinvolgere il maggior numero di ex operai Vinfood e di residenti di Monteleone di Fermo».

di Alessio Carassai



 

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO -by il Borghigiano- Successivo Detriti e immondizia sulla passeggiata Lungomare di Sassonia abbandonato