Morì per il monossido, gli esiti della perizia. ‘Assolta’ la stufa a pellet

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Bologna, 23 febbraio 2016 – Assolta la stufa a pellet per la morte di Federico Volponi, il giovane ingegnere anconetano ucciso da esalazioni di monossido di carbonio nella sua villa ultratecnologica di Candia.

Le esalazioni potrebbero essersi piuttosto sprigionate da un generatore di energia elettrica a benzina, posizionato in un vano in cantina.

Era stato lo stesso 38enne a montare in mansarda la stufa finita inizialmente al centro dei sospetti, ma l’apparecchio, stando agli accertamenti, funziona perfettamente.

Piuttosto il generatore, che entra in funzione automaticamente quando l’energia solare non è sufficiente, dato che la villetta non era ancora allacciata alla corrente elettrica, era posizionato in cantina dove la finestrella per il ricambio d’aria era stata lasciata chiusa.

La morte era sopraggiunta nella notte tra il 6 e il 7 gennaio, dopo una giornata, quella dell’Epifania, particolarmente nebbiosa.

L’ipotesi del generatore, funzionante a benzina, è quella più verosimile dopo il sopralluogo e gli accertamenti svolti nella villa di via Di Vittorio da due esperti di caldaie incaricati dal pm Paolo Gubinelli per una perizia come atto irripetibile.

I rilievi, eseguiti alla presenza di carabinieri e vigili del fuoco, avrebbero infatti accertato il buon funzionamento della stufa a pellet che riscaldava l’abitazione.

L’attenzione degli esperti si concentrerebbe sul generatore a benzina: il motorino avrebbe sprigionato il monossido che, dopo aver saturato la cantina, sarebbe filtrato ai piani superiori uccidendo l’ingegnere e il suo cane pastore maremmano. Si era salvata la moglie Valeria Contegiacomo, 35 anni.

Oltre all’assenza di aerazione del vano cantina dove si trovava il generatore, che era stato installato in attesa di un eventuale allaccio elettrico, alla saturazione dell’ambiente avrebbe contribuito l’alto grado di isolamento dell’abitazione.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Eco: folla ai funerali al Castello Successivo Marche: meteo in altalena, l'inverno rimane sotto il segno della variabilità