Morì per una insufficienza respiratoria: tre medici a giudizio

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Civitanova Marche (Macerata), 14 gennaio – Gli venne prescritto un farmaco nelle cui avvertenze è scritto ‘sconsigliata espressamente l’assunzione da parte di pazienti con problemi ai bronchi’. E così l’uomo, Umberto Cozzolino, 64 anni, affetto da un’asma bronchiale cronica, per la quale seguiva regolarmente una terapia farmacologiaca, morì poco dopo aver preso il farmaco per una gravissima insufficienza respiratoria acuta. Con l’accusa di omicidio colposo sono stati rinviati oggi a giudizio dal gup del tribunale di Macerata, tre medici dell’ospedale di Civitanova.

Nei guai sono finiti il medico di base, per aver prescritto il farmaco Lopresor al paziente, lo specialista cardiologo che lo aveva visitato consigliandogli di prendere lo stesso farmaco beta-bloccante, e infine il medico del pronto soccorso che, nella notte tra il 14 e il 15 dicembre del 2011, dopo averlo visitato disse all’uomo di continuare con la stessa terapia consigliata dal cardiologo.

I medici, che respingono le accuse, sono difesi dagli avvocati Simone Mancini, Giancarlo Nascimbeni e Paolo Bacalini.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Whirlpool, Spacca incontrerà vertici Successivo Fabriano – Patrizia Terzoni (M5S) interroga Lupi su scalo Ancona