Morta in casa: la procura dispone l’autopsia

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –
IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 10 gennaio 2015 – Sarà eseguita l’autopsia sul corpo di Sandra Mariotti, 64 anni, nubile, ingegnere, rinvenuto senza vita l’altro ieri pomeriggio. Una morte che risale ad almeno quattro giorni prima visto che nessuno aveva più visto la donna da lunedì scorso. Anche il suo telefono suonava a vuoto. e questo ha fatto pensare a parenti ed amici che fosse in vacanza o fuori per lavoro. In realtà, l’ingegner Sandra Mariotti era nella camera da letto della sua casa di via Vildi 18 (zona Montegranaro), ormai senza vita per un probabile arresto cardiaco. Dai primi accertamenti medici, il corpo non presentava segni di violenza e dunque l’ipotesi più probabile della morte è un infarto.

Sandra Mariotti aveva un carattere molto aperto ed era spesso in prima fila, col Lions di Gabicce di cui è stata presidente per poi passare al club di Pesaro, nell’organizzare incontri su arte, volontariato, sanità ed era un’assidua frequentatrice di rassegne teatrali ma soprattutto appassionata di viaggi. Dunque, una persona che poteva contare su tante amicizie. E proprio la sua assenza prolungata aveva messo in allarme l’unico fratello, Giuseppe che l’altro ieri ha capito di non poter più aspettare decidendo di chiamare i vigili del fuoco per irrompere nella grande casa della sorella, dove l’ingegner Sandra Mariotti viveva da sola. E i pompieri hanno impiegato pochi attimi per scoprire in camera il corpo senza vita della 64enne. La quale aveva svolto attività professionale in proprio oltre che insegnare in istituti superiori. Adesso spetta ai medici incaricati dalla procura della Repubblica accertare le cause di una morte inaspettata (la donna non aveva mai lamentato problemi cardiaci o patologie particolari). Il funerale dunque è ancora da  fissare.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente IL METEO DI OGGI A FABRIANO -by il Borghigiano- Successivo Fino ad aprile, 41 profughi al Plaza: residenti allarmati vanno dal sindaco