Morta in Spagna, nel cellulare della madre la chiave del giallo

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Macerata, 20 dicembre 2015 – Continua il giallo di Chiara Scirpoli, la 23enne morta nel sonno a Siviglia mentre si trovava a casa di un amico. Spunta fuori la versione di un testimone, che sarebbe di nazionalità spagnola, e che era presente nella casa occupata in calle Rojas Zorrilla la notte tra sabato e domenica, quella notte in cui Chiara è andata a dormire e non si è più svegliata. «Questo ragazzo – spiega il legale della famiglia Scirpoli, l’avvocato Matteo Murgo del foro di Bologna – ha raccontato di avere sentito dei gemiti provenire dalla stanza in cui si trovava Chiara. Ha domandato cosa stesse succedendo e dall’interno della stanza qualcuno ha risposto che andava tutto bene, che si trattava soltanto di un brutto sogno».

Domani sarà depositato l’esposto in Procura: la famiglia Scirpoli presenterà una denuncia alle autorità spagnole per andare a fondo sul perché del ritardo con cui sono stati avvisati (due giorni dopo il decesso) e per capire cos’è successo alla figlia la notte del 13 dicembre. L’avvocato Murgo ha dichiarato che «ci sono molte cose che non quadrano». «Le versioni che abbiamo sentito finora discordano – ha detto –. Il testimone fornisce una versione molto diversa da quella dell’amico. La ricostruzione dei fatti fornita dall’amico che stava ospitando Chiara, e che dormiva nella stanza con lei, non ci convince, le sue spiegazioni sono confuse, il ragazzo è molto reticente. Ma non si può essere reticenti di fronte ad una morte. E tra l’altro questo amico non avrebbe più fatto ritorno a casa in tutti questi giorni».

Intanto, un elemento nuovo si va ad aggiungere ai pochissimi in mano alla famiglia. «Una persona – continua l’avvocato – ha lasciato un messaggio nella segreteria della madre di Chiara, dicendo di sapere cose che potrebbero esserle utili riguardo a quanto accaduto in Spagna». Ma in questo momento è molto difficile stare dietro alle segnalazioni, alle voci e ai dettagli. «I genitori e la sorella piangono per dodici ore al giorno – ha sottolineato il loro legale –. Sono sconvolti dal dolore, completamente distrutti. È un dolore immenso. È morta una ragazza giovanissima, dolce e anche molto sveglia, che era partita per lavorare, per rifarsi una vita in Spagna».

Questa mattina sono in corso i funerali della ragazza, nella chiesa di Santa Croce.

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Il presepe diventa subacqueo al Passetto Successivo IL METEO DI OGGI A FABRIANO E NELLE MARCHE -by il Borghigiano-