Morti bianche, i consigli per evitare i rischi

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Ancona, 11 febbraio 2016 - L’incidenza delle morti infantili spaventa e il picco è fra i due e i quattro mesi di età. Per fortuna nel corso dell’ultimo decennio l’incidenza è diminuita, passando dall‘1,5% allo 0,5%. Il dato è chiaramente nazionale anche perché si tratta di circa 250 nuove morti all’anno.

«Molte di queste morti – spiega però la pediatra Arcangela Guerrieri – sono state evitate grazie alla posizione fatta assumere al bambino nelle ore di sonno. Mettendolo supino è stato possibile limitare di molto l’incidenza delle morti, insomma c’è un’altra consapevolezza e proprio il Ministero della Salute ha diffuso una guida con le avvertenze sulle cosiddette ‘morti in culla’ che è diventata una guida molto diffusa tra i genitori e che i pediatri consigliano di leggere».

Tra le accortezze ci sono quelle che riguardano l’utilizzo di un certo tipo di materasso e l’assenza del cuscino. Quindi niente succhiotto mentre si dorme e l’ambiente deve essere libero da fumi o aria consumata ed eccessivamente calda. Ma al di là di comportamenti corretti o no, possono essere diverse le possibilità perché queste giovani vite vengono spezzate.

«Spesso si verifica un arresto cardiocircolatorio, in altri casi – spiega ancora Guerrieri – si può trattare di una malformazione che non era stata riscontrata perché ancora non si era manifestata. Per fortuna queste morti non sono frequentissime anche se la variabile è data proprio dal fatto che molte delle manifestazioni si presentano all’improvviso».

Spesso infatti anche dopo approfondite indagini, tra cui l’autopsia, lo stesso Ministero ammette che molte morti rimangono inspiegate, non per niente questa è la maggiore preoccupazione maggiore tra i giovani genitori.

 

MORTI BIANCHE, COSA SONO Colpiscono soprattutto nella fascia di età che va dai due ai quattro mesi di età anche se il Ministero della Sanità allarga il periodo critico fino a un anno di vita.

GLI ACCORGIMENTI Il numero delle morti bianche si è molto abbassato soprattutto dopo l’adozione di alcuni accorgimenti tra i quali quello di fare dormire il neonato sulla schiena.

LE PROBLEMATICHE Alcune morti vengono considerate inspiegabili, altre, invece, vengono ricondotte a malformazioni che non sempre sono constatabili al momento della nascita

Leggi la notizia integrale su:

LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Precedente Barbagallo, Dl banche incomprensibile Successivo Calano le famiglie a rischio di povertà e esclusione sociale