Morto a 20 mesi, il commovente saluto dei genitori: "Edoardo ora sta bene"

IL BORGHIGIANO
Fonte Il Resto del Carlino –

IL BORGHIGIANO 20142015

Pesaro, 11 giugno 2015 – «Edoardo è in un banchetto di festa sul monte del Signore». Le parole scelte da don Marco Di Giorgio per dare l’estremo saluto al bambino di soli 20 mesi deceduto lunedì per un edema cerebrale sono state suggerite dagli stessi genitori, Nicola Baiocchi e Giada Ronchi che questa mattina, al funerale del figlio, hanno trovato la forza per salire sul pulpito e ringraziare amici e parenti per l’affetto ricevuto: «Edo sta bene, siamo noi che abbiamo bisogno di aiuto – ha detto Nicola, con la moglie accanto -. La prima cosa che ci siamo chiesti quando nostro figlio è stato ricoverato è: «Perché proprio lui, che cosa abbiamo fatto per meritarci questo?».

Poi abbiamo capito che il dolore non va in rapporto a chi sei o cosa hai fatto. Al Salesi, dove nostro figlio era ricoverato, c’erano bambini che stavano anche peggio, perché la morte non è la cosa peggiore. E abbiamo conosciuto i genitori, persone fantastiche, che ci hanno dato la forza di affrontare il momento. Edoardo ha retto cinque giorni in una maniera pazzesca, nemmeno i medici si spiegano come abbia fatto. Forse ha voluto darci il tempo di prepararci. Speravamo che si svegliasse e che tornasse sano come prima. Un miracolo. Poi persone più esperte ci hanno fatto capire che anche donare gli organi è un miracolo, anche fare quello che abbiamo fatto noi come famiglia è un miracolo. Vi ringrazio tutti – ha aggiunto Nicola – per la stima e l’affetto che ci state dimostrando, ci state dando una grande forza».

Poi, la piccola bara bianca ha lasciato il Duomo, la stessa chiesa dove Edoardo era stato battezzato poco più di un anno fa. In tantissimi gli hanno voluto rendere l’ultimo saluto, parenti e amici dei genitori hanno riempito il Duomo e hanno salutato l’uscita della bara con un prolungato applauso.



LEGGI LE NEWS DE IL RESTO DEL CARLINO

Le quadrelle 

Precedente Il ritorno a casa di AstroSamantha: la Soyuz è atterrata Successivo L’abbraccio Lovato-Petrone. «Avanti insieme»